PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ragazzo che beve al pozzo

Stride la carrucola del pozzo
come il grido di un uccello ferito,
pencola il secchio nel vuoto
scendendo nell'ombra muscosa,
saetta la fune disarticolata
come serpe agonizzante,
il tonfo si ripercuote
in piccole onde sonore
dal profondo violato.
Ritmiche le braccia issano
il carico sciabordante
di umore del sottosuolo
serbato nel tempo
dalla roccia materna.
Puoi bere adesso, ragazzo,
tu che sei assetato di vita,
ignaro di chiudere un ciclo
e perpetuarne un altro.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Anonimo il 15/09/2010 11:01
    Ottima la scelta dei termini, trovo che la chiusa sia il pezzo forte dell'opera...
    che dire, grazie...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0