accedi   |   crea nuovo account

Vecchiaia, noccioline e alcool

Sono tremendamente vecchio
e quel che è peggio è che ho avuto
bisogno di invecchiare.
Il vecchio sporcaccione che mi perseguita
passa le serate a mangiare noccioline
e a bere Whisky invecchiato.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • nemo numan il 12/12/2008 10:21
    bellisima
  • laura cuppone il 21/09/2008 00:56
    le cattive abitudini
    invecchiano con noi..
    l'importante che non ci si senta vecchi
    dentro..
    Laura
  • Anonimo il 03/05/2008 13:51
    Gianni... scrivi ancora.
  • ALESSIO SANNA il 26/09/2007 10:53
    la solitudine non deve essere necessariamente qualcosa di dannoso, credo che possa risultare utile per ascoltarsi senza troppe interruzioni di riflessione.
  • sara rota il 02/05/2007 17:59
    Un insieme di vecchiaia triste e solitaria... forse c'è tra le righe un po' di pessimismo verso la vecchiaia stessa. È importante come si invecchia e non tanto l'invecchiare.
  • Ezio Grieco il 04/04/2007 09:55
    Lungi da me il fare il dotto, penso che di poesia non abbia niente, come l'altra postata prima di questa e che ho letto astenendomi dal commento; e altresì vero che di concetti ne ha ed anche ottimi, ma penso che per postarla come poesia, doveva quantomeno essere quadrata, riletta e migliorata.
    Spero che questo non susciti antipatia.
    A rileggerti
    Clezio
  • Riccardo Brumana il 03/04/2007 07:57
    di filosofico non ci trovo molto, forse introspettiva è la categoria più indicata, se quel vecchio è riferito ad un lato di te che ti è sempre stato scomodo.
  • Duccio Monfardini il 03/04/2007 01:29
    tutto mi sembra quest'opera tranne che scarsa di contenuti...
    parla di una vita intera e del punto in cui è arrivata.. con una forza tremenda, esplosiva. Mi sembra bellissima, sinceramente la poesia più bella che ho letto su questo sito. Sarebbe piaciuta ad un grande sporcaccione bevitore di whiskey e al suo amore sotto formadi cane che viene dall'inferno... il vecchio Charles Bukowski.. Grazie Gianni per questa poesia, mi hai fatto provare un brivido. Duccio.
  • augusto villa il 31/03/2007 14:27
    Il segreto è... accettarsi per ciò che si è... Accettarsi e volersi anche bene...
    Bella poesia mi piace!
    Ciao.
  • gianluca malorgio il 29/03/2007 11:02
    opera un po' scarsa di contenuti... l'accostamento delle parole a volte è inadeguato... però si può migliorare!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0