accedi   |   crea nuovo account

I padri

I padri sono stati figli,
hanno visto soffrire le proprie madri.
Quando crescono dimenticano di essere stati figli,
e trattano le mogli peggio,
dimenticando il dolore delle madri.
Le tengono al guinzaglio,
velano la libertà lasciando spazio ai soli occhi,
chiudono in una gabbia le loro emozioni.
Le maltrattano,
le picchiano,
le offendono,
le umiliano,
le uccidono.
I padri dimenticano di essere stati figli,
dimenticano di avere dei figli
nel momento in cui disprezzano le loro madri.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Maria Rosa Cugudda il 24/02/2011 19:50
    piaciuta, sono d'accordo con Nicola, avere sempre speranza!
  • Nicola Lo Conte il 17/09/2010 14:50
    Triste ed amara verità...
    ma occorre avere sempre la speranza
    che ciò possa cambiare...
  • loretta margherita citarei il 15/09/2010 17:33
    per certi uomini padri padroni è così bella riflessione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0