accedi   |   crea nuovo account

Mi manchi

Ombre calano sui tuoi occhi,
il cieo fugge sopra di te;
stagioni si alterano, si superano.

Soli muoiono e risorgono,
mentre nuvole danzano scure
su un orizzonte che sembra infinito.

Mi manchi
e nel mio cielo
quelle nuvole disegnano il tuo volto,
i fiori profumano di te,
attraverso le onde del mare mi guardi.

Mi manchi
e tutto scorre,
perso in echi dal sapore vago,
inafferrabili, lontani,
come la tua melodiosa voce.

Mi manchi
e il tuo canto
giunge al mio cuore
da terre così lontane
che non riesco neppure a immaginarle.

Mi manchi,
e anche se so
che mai più potrò rivederti,
la mia anima grida al mondo
il muto bruciare della disperazione.

 

2
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Francesca La Torre il 12/03/2015 06:49
    Bellissima la poesia, inno all'amore, e bellissima la chiusa "la mia anima grida al mondo..."

6 commenti:

  • Anonimo il 11/01/2012 20:07
    Eccellente, che aggiungere altro, meno male che il dolore diventa colore nelle poesie.-
  • Anonimo il 04/06/2011 11:37
    Eccellente
  • Anonimo il 27/11/2010 15:34
    Prediligo la prima e l'ultima strofa perchè più veritiere. Poi riscontro pensieri che non sempre sanno decollare per il contenuto un po' scontato.
    Un apprezzamento, nel complesso.
    Ad maiora.
  • Nicola Nik il 30/09/2010 18:37
    Ringrazio =)
  • Anonimo il 20/09/2010 21:48
    Piaciutissima
  • loretta margherita citarei il 15/09/2010 19:51
    conosco questa celeste nostalgia, piaciutissima