PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sceneggiata 'e Furcella

I figghi mia
aggià lassà,
dintu u carceru
aggià i;
ma 'ste mani
nisciunu
e guarda,
e nu poveru zappatoru
songu,
e puzzanu
ancora,
e li calli
accasati
da tiempu
se songu,
e de esse
tutt'uno
songu,
e vuje
riciti
ca già 'ccisu;
e a fighia mea
ca goppa
a l'altare
à da i,
senza u patu
comma a fa,
è na vera infamità.
Signù,
lassateme
armeno
per chillu juornu,
e s'aggià pavà
per chello
che fattu
nun aggiù,
sulu u Pataterno
o sà
e niscunu cchiù.
Ma signù,
nu me borta
cchiù niente e me,
ma fateme vuré
la sposa,
figghia mea,
e puterla
dinta a ste brazza
stringerla ancora
stritta, stritta
e la benedizione mea
urdema
dar,
e poi chellu ca vuliti
fate,
i ca songu.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0