username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sorella mia

Io bianca tu negra
Sei donna come me
per partorire soffri
ami l'amore
anche senza perchè
Piangi, ridi, ti affanni
come faccio io
Credi in Dio, lo stesso mio
Ti considerano scarto dell'umanità
sfruttata, violentata denigrata
Mentr'io ho solo privilegi
Non hai fonte dove dissetarti
io non ho padroni a cui dire sì

Velati i nostri volti
Io negra tu bianca
Tu la luce io la notte
Sorella mia

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 23/09/2010 13:56
    lory, il velo dovrebbe coprire i volti di coloro che voglioni le differenze sociali
  • Aedo il 17/09/2010 23:28
    Le barriere razziali non sono state superate e bisogna tendersi le mani, per costruire un ponte di solidarietà. Bravissima!
    Ignazio
  • rudens roze il 17/09/2010 22:28
    Grazie, applausi a voi
  • Vincenzo Capitanucci il 17/09/2010 04:57
    Non hai fonte dove dissetarti...

    Bellissima Rudenz... io negra... Tu bianca... meraviglioso capovolgimento... Tu luce... io notte..
  • Aldo Riboldi il 16/09/2010 19:45
    Bella questa solidarietà tra donne di "colore diverso", investe un tema sempre attuale, quello del razzismo...
    Scritta molto bene!
  • Sabrina Ginaldi il 16/09/2010 15:59
    Guarda veramentemolto bella e molto ben esposta, e di un valore puro, sublime, quello dell'uguaglianza tra gli uomini, che nel nome di un unico Padre che st nei celi, sono tutti fratelli... bravissima!
  • Ugo Mastrogiovanni il 16/09/2010 15:23
    Il tema è forte e ben esposto, la rima egregiamente riuscita e nei posti giusti; giusto anche il termine "negra", che il poera ha voluto dispregiativo tanto per sottolineare l'irriverenza per l'altro colore, del resto "nekròs" per i greci significa morto. Insomma, Ruden Roze promette bene!
  • romeo DaVerona il 16/09/2010 14:38
    Straziante il ripensar alle storie passate, ancor esiste schiavitù, sotto mendace veste...
    diversità nella pelle, stesso cor, solo ipocriti bendano gli occhi, pensando a vil superiorità!
  • rudens roze il 16/09/2010 14:29
    Grazie per i vostri commenti sono manna per la poesia e per migliorare.
    Volevo sottolineare che la parola "negra" è stata scritta intenzionalmente proprio per rafforzare il significato dell'intero testo
  • Raju Kp il 16/09/2010 13:08
    felicita' o triestezza per fortuna non hanno colori
    grazie del commento e piaciuta
  • loretta margherita citarei il 16/09/2010 08:31
    stona un po quel negra, perchè ancora si parla di colori x contradistinguerci? piaciuto molto il concetto
  • anna marinelli il 16/09/2010 07:40
    intensa per il messaggio sociale e civile che veicola, Grazie.
  • Giacomo Scimonelli il 16/09/2010 07:36
    la luce e la notte... tu nera io bianca... sorella mia...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0