accedi   |   crea nuovo account

Proiezioni

Le bombe ormai esplodono a pochi metri da lui
non riesce a sopportare questo peso
davvero non ce la fa
il peso della sua età
il peso di una vita
fatta di vanità
falsità
crudeltà.
Ripete con una voce sottile,
sottile come il confine che lo separa
dalla Grande Madre,
"non volevo".
Mea culpa di disperazione
e un fiume di lacrime acide
lo trascinano via,
dalle rose
dalle calle
dalle viole nei suoi occhi.
Non volevo arrivare fin qui
dovevo
uscire di scena
fuggire
molto prima.
nessuno mi ricorderà.
nessuna lacrima cadrà.
forse una rosa sfiorirà.
Sarò nel vento.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Vincenzo Capitanucci il 19/07/2008 20:59
    Pro lezioni di Vita... quella rosa ricorderà sempre... ad ogni carezza del Vento,,,
  • Ezio Grieco il 28/03/2007 08:39
    Ok Stefano; pregna di significati.
    ... e la vita intanto Va!
    Un saluto
    Clezio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0