accedi   |   crea nuovo account

Di me che sono

Quella
solitudine immensa
d'amarti
solo io.

Una zingara elegante
sensazioni forti
come un'alunna spaventata.

Danzatrice timida
volteggi e salti
un suono ondeggiante
sorridente.

M'addormo
e assaporo il tempo
nascondendo le mie paure.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • anna marinelli il 18/09/2010 22:14
    peccato che non siano passati in molti, è una poesia così bella!
  • anna marinelli il 18/09/2010 10:53
    qualcosa mi attrae in questa poesia, reminiscenze di danze gitane... bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0