username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La luna dal pozzo

Come se tanto Auro fosse
il poeta che è in me
a coglier l'occasione
e a quella gettare un sasso di stagno
tanto da smuover acque
di poesie immense e di gravi parole
e di segni infranti
che neppure i vetri cattedrali
smisurati e colorati mai
potessero render fermi anche
solo un istante
infiniti echi di millenarie travi e navate immani.

E poi infine quegl'occhi suoi queruli e striati
testimoni soli di infinite lotte e tafferugli
che ancora domi all'ultima battaglia pronti sempre
tra versi di spade e difese
e poi ancora lame e tintinnii e urli di sforzi
e ancora indietreggi e attacchi...
Sino a che morte non separi la vita
dal desiderio del vissuto invano.
E poi amore.

Amore infinito per quella donna
unica a stringer con lui la stessa difesa
a urlare sdegnata e sdegnata
passare il greto per disegni migliori e passioni migliori
e per la gioia terrena
della quale eternamente innamorato resta...
come per scevra passione.
E poi infine il tempo. Al suo quotidiano tedio
che volte dedica lo scritto
al getto ed al pensiero mesto.

Un leone nascosto
che sempre è vicino e vicino quel tanto
fa sentire sempre o almeno quasi... ancora vivo.
E con il foglio steso lo vedi
e bianco da svuotarne i bordi di versi
e al banco della vita, due difetti ostenta.
Una penna tra le dita affusolate e scarne
e una lacrima di sogno al sapor del sale
che più sale ormai più non v'è

o non ne prova il sapore... più.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Raffaele Arena il 21/11/2011 19:15
    Piaciuta per l'intensità del sentimento espresso in figure originali e chiare. Anche se mi pare come fossero tre poesie diverse.
  • cesare righi il 11/08/2011 15:19
    ehhh sì... che dire se non nulla, perchè qui mi fermo e osservo, non leggo
    5st e 5lune
  • Anonimo il 21/10/2010 02:30
    Bellissima, intensa, ti faccio i miei complimenti!!!
  • ELISA DURANTE il 21/09/2010 22:46
    Sai che me la sono immaginata recitata da Vittorio Gasmann... Una bomba! Bravo.
  • Manuela Magi il 19/09/2010 17:28
    Ciao Fabio.
    La lettura della tua, trasporta altrove, i luoghi immensi e antichi.
  • laura marchetti il 19/09/2010 08:41
    Molto bella intensa e triste, ti abbraccio forte
  • Salvatore Ferranti il 18/09/2010 14:33
    sempre bravissimo.
    è un piacere leggerti, caro Fabio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0