PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ultimo grido di dolore

Ma cosa ho fatto di male
per meritarmi così tanta sofferenza,
cosa ho fatto se odio non conosco,
cosa ho fatto per respirare solo dolore.

Dio ascoltami anche se non puoi,
ascoltami anche se le mie suppliche non senti,
tutti questi tormenti adesso son troppi,
nemmeno vicino a te mi vuoi,
e solo con i miei semplici versi
trovo sfogo e conforto.

La mia non sarà vera sofferenza
ma io sto male, io non vivo più,
affogo tra fiumi di lacrime,
nessuno le sente, nessuno può aiutarmi.
Solo io potrei aiutarmi,
solo io ma non ci riesco,
dimmi tu che fare.

Ascolta la mia ultima supplica,
non abbassare lo sguardo Padre mio,
la vita è bella
ma adesso la detesto,
voglio tornare a nutrirmi di sorrisi,
voglio il mio viso riflesso su un raggio di sole,
raggio di sole che mi riscaldi il cuore,
che mi ridoni gioie e umani dolori.

Io ci proverò, proverò ad uscire
da questo labirinto,
proverò con le ultime forze che mi restano,
proverò a lottare ancora,
ma se dovessi cedere nuovamente
mi affiderò alla tua clemenza.
Aspetterò un segno del destino,
aspetterò chinando lo sguardo,
aspetterò di rinascere nuovamente a nuova vita,
vita che adesso mi ha abbandonato totalmente,
anche la carne della mia carne non mi vuole,
e la musa della mia unica felicità
ha deciso per me, ha deciso in cuor suo
di regalarmi la serenità,
senza sapere che mi ha sotterrato,
senza sapere che mi spengo e nel silenzio
arranco aggrappandomi al nulla.
Dio mi affido a te,
ascoltami e cancella tutti i miei perchè,
ti scongiuro, anche la mia è sofferenza!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

22 commenti:

  • Grazia Denaro il 27/01/2012 17:28
    Perchè sei tanto Angustiato Giacomo, cerca d'essere più ottimista e vedrai che starai meglio, la tua anima si rasserenerà. molto ben stilata sai raggiungere il cuore di chi ti legge.
  • Elia Paglia il 28/09/2010 23:44
    Ma cosa ho fatto di male
    per meritarmi così tanta sofferenza,
    cosa ho fatto se odio non conosco,
    cosa ho fatto per respirare solo dolore.

    dai giacomo solo da questo verdo dovresti capire cosa vuol dire devi tirarti su... forza giacomo ce la puoi fare...
  • ELISA DURANTE il 25/09/2010 10:32
    Affidarsi a Dio, al Cielo può essere una strada ma ricordati che "aiùtati da solo e il Ciel t'aiuterà". Toccare il centro del dolore è toccare il fondo, ma solo di lì poi si può risalire.
    Auguri! E continua a scrivere le tue emozioni in modo così ... emozionante!
  • Giacomo Scimonelli il 23/09/2010 23:39
    grazie x i commenti... Elia grazie di cuore... e mi dispiace... ma sei ancora giovanissima... ancora è presto x dire che sei sola
  • Elia Paglia il 23/09/2010 23:34
    Ma cosa ho fatto di male
    per meritarmi così tanta sofferenza,
    cosa ho fatto se odio non conosco,
    cosa ho fatto per respirare solo dolore.


    Io ci proverò, proverò ad uscire
    da questo labirinto,
    proverò con le ultime forze che mi restano,
    proverò a lottare ancora,
    ma se dovessi cedere nuovamente
    mi affiderò alla tua clemenza.
    Aspetterò un segno del destino,
    aspetterò chinando lo sguardo,
    aspetterò di rinascere nuovamente a nuova vita,
    vita che adesso mi ha abbandonato totalmente,
    anche la carne della mia carne non mi vuole,
    e la musa della mia unica felicità
    ha deciso per me, ha deciso in cuor suo
    di regalarmi la serenità,
    senza sapere che mi ha sotterrato,
    senza sapere che mi spengo e nel silenzio
    arranco aggrappandomi al nulla.
    Dio mi affido a te,
    ascoltami e cancella tutti i miei perché,
    ti scongiuro, anche la mia è sofferenza!

    la prima e l'ultima stroffa mi colpiscono molto sulla mia personalità... perkè io vivo nella solitudine dentro me stessa mi sento sola anke se non glielo faccio accorgere alla gente ma alla fin fine io sono debole di dentro e sola...
  • ylenia 2010 il 20/09/2010 21:30
    MOLTO BELLA E PROFONDA... COMPLIMENTI GIACOMO!
  • Anonimo il 20/09/2010 11:49
    BELLISSIMA INTENSA... LE TUE POESIE SONO VERE E PROPRIE MELODIE
  • Giacomo Scimonelli il 20/09/2010 02:32
    grazie a tutti... la vostra presenza è sempre importante
  • Don Pompeo Mongiello il 19/09/2010 16:09
    Non preoccuparti amico mio. Dio ti ascolta. Ed in questo modo di scrivere sincero e poetico ti assolve e ti benedice, per carità non sono il Cristo, ma un peccatore più di te, eppur lo so. Bravo!
  • Maria Teresa il 19/09/2010 15:40
    È un grido di dolore che tante volte lanciamo al cielo un po' tutti, ma la tua descrizione della sofferenza mi ha davvero colpita, vorrei fare di più che un semplice commento...
    Sono qui, anzi siamo qui e siamo in tanti e quando il dolore è condiviso diventa meno doloroso.
    Un abbraccio
  • claudia pinheiro montenegro il 19/09/2010 14:08
    Gesù ti prego
    Benedica Giacomo
    Con la tua Pace

    un bacio,
    claudia
  • Anonimo il 19/09/2010 11:16
    .. sei riuscito a descrivere il dolore.. ogni tua parola e' una ferita..
    ma non sei deserto.. no.. non lo sei.. le ginochia fanno male.. ma hai la forza per rialzarti
    bravo
  • danilo il 19/09/2010 11:06
    Spero che sia solo frutto della tua fantasia più sensibile, perchè se così non è,
    mi rattrista molto e la lettura, assume il colore della disperazione..
  • loretta margherita citarei il 19/09/2010 09:44
    quando la vita offre periodi dolorosi e gravi problemi la scuotono, è tempo di far riposare la mente, ed attendere con fiducia, disse Sant'Ignazio, mio caro giacomo, la sofferenza d'amore è dolorosa, ma se volgi lo sguardo attorno vi sono atroci sofferenze, un esempio, chi è nella spirale della malattia etc etc, hai i figli, loro sono un grande dono, concentrati su loro.
  • laura marchetti il 19/09/2010 09:40
    la cosa che non riuscirò mai a superare sentire il grido di qualcuno e restare impotenti... questa nostra realtà virtuale ci fa sentire vicini ma nello stesso tempo troppo lontani dalle sofferenze degli altri... sono una formica in questo universo impotente e vorrei chiedere al Signore di mandare una briciola di me vicino a chi soffre. non sono nessuno ed io stessa ho bisogno di aiuto... sono presente ed ascolto e partecipo con tutti voi...
  • Anonimo il 19/09/2010 09:24
    La vita è fatta di gioie e dolori, facile accettare le gioie, ma molto più difficile accettare le sconfitte... eppure è proprio da li che si riparte, solo dopo aver conosciuto l'inferno si ritorna in superficie...
  • Elisabetta Fabrini il 19/09/2010 09:22
    Mi hai veramente commossa.. il tuo dolore mi ha toccato il cuore! Ti auguro che questo grido venga ascoltato perchè tu possa ritrovare un po' di pace...
    La poesia è molto bella e molto sentita...
    Ti abbraccio forte
    Ely
  • Mario Olimpieri il 19/09/2010 08:54
    Quanta sofferenza dalle tue parole! Ora è molto difficile per me trovare quelle giuste per placare tanto dolore, posso soltanto ricordare che la notte non è mai infinita e che il sole ritornerà finalmente a splendere. Un forte abbraccio
  • Anonimo il 19/09/2010 08:44
    Senza parole...
    Lylly
  • Kartika Blue il 19/09/2010 07:51
    Un dolore incontenibile nelle tue parole. toccante e bellissima!
  • Sergio Fravolini il 19/09/2010 07:50
    L'ultimo grande grido della sofferenza... e poi il dolore... la solitudine. Bel brano Giacomo mi piace molto.

    Sergio
  • vincent corbo il 19/09/2010 07:42
    A volte la mente precipita in un labirinto di sofferenza e poi è molto difficile uscirne fuori. Anch'io ci sono passato... Ti posso solo augurare di superare questo momento e di tornare a vivere.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0