PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

L'ora dei conti

E tu,
che il volto
nascondi
dietro una maschera
di gomma,
pensi
del creato
il più
furbo
essere,
ma quando
la tua ora
alla porta
bussa,
e la tua carcassa,
di poche ossa
e un po'
di carne
celar
non sai,
colei
vien
la tua vita
falciar,
e negli inferi
tra l' eterno fuoco
buttar anche
l' anima tua
peccatrice e vile.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 26/09/2010 15:11
    Caro amico, ho fatto volentieri amicizia con te. Ma mi ripaghi malissimo: visto che la mia anima è peccatrice e vile, dovrò, per foza di cose finire negli inferi... brrrr
  • laura marchetti il 22/09/2010 07:57
    penso che di fronte alla morte dobbiamo tutti abbassare il capo...
  • Giacomo Scimonelli il 21/09/2010 22:29
    scusami amico mio... non so proprio come sia uscita la linguaccia... avrò premuto un tasto sbagliato... scusami nuovamente
  • Giacomo Scimonelli il 21/09/2010 22:26
    :bravoiaciuta...
  • ELISA DURANTE il 21/09/2010 22:20
    Mi fai venire alla mente la veemenza di Cecco Angiolieri. La rabbia bisogna tirarla fuori altrimenti fa male solo a chi la prova. Bravo!
  • loretta margherita citarei il 21/09/2010 20:48
    duro monito piaciuta, ma lascia sia dio a giudiare

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0