username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il senso dell'essere

Dove il cielo oscura
l'ultimo raggio di luna
e l'opaco sole riga
strisce di pioggia
là ci sei tu.

Dove il mare asciuga il mio pianto
e le onde sfrangiano
infrangendosi su coste
di rocciosi spigoli
lì i miei pensieri arenano i tuoi.

Dove il bosco ulula
spegnendo il suono della vita
e l'anima si chiude
all'ombra di un faggio
a mala pena respiri il senso dell'essere.

Dove la morte prosciuga la strada
e l'andare diviene pesante
il cammino difficile
lì deporrò la mia esistenza

con sabbia di sale
cospargerò il mio corpo
e la mia anima
che desidera quiete
e anela la pace.

 

l'autore Gabriella Salvatore ha riportato queste note sull'opera

Una dedica ad un amico che soffre. La vita è piena di avversità, tieni duro, non mollare!


1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Grazia Denaro il 03/03/2012 01:16
    Bellissima lirica intrisa di dolci versi, apprezzabile per contenuto e per forma.
  • Anonimo il 08/05/2011 20:32
    bellissima... all'ombra di un faggio a mala pena respiri il senso dell'essere.
    complimenti gabri brava
  • Salvatore Ferranti il 21/09/2010 21:58
    sei bravissima. davvero...
    una poesia che arriva al cuore...
  • loretta margherita citarei il 21/09/2010 21:10
    anela alla pace, bellissima complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0