username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Doman

vegnerà 'l vènt, zidiós
a strozegarse dré le mè patùrnie
tacade su qoél pìciol cesonàt
che 'l rìdola de prèssa
'n mèz la strada, de ligante, tuta a buse
e po' 'l se ferma, rebaltà
sfondà gió 'n smöia
'n de na busa dré la curva
póza de làgreme de nùgole
spavènte
scampade via lontàn lassando chi
le sò passión rebùfe
e pian le se deléva

traduzione:

verrà il vento, fastidioso
a trascinarsi dietro i miei crucci
attaccati a quel piccolo cespuglio
che rotola velocemente
in mezzo alla strada, di sassi bianchi, tutta a buche
e poi si ferma, capovolto
affondando in ammollo
in una buca dietro la curva
pozza di lacrime di nuvole
timide
scappate via lontano lasciando qui
le loro burrascose amarezze
e piano svaniscono

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 08/03/2011 18:09
    Melodiosa e davvero profonda!
  • Anonimo il 10/01/2011 16:07
    Molto bella. Bellissime immagini che parlano di natura e di sentimenti. ciao
  • Giuliano Natali (Diaolin) il 25/12/2010 18:07
    grazie Marilena, molto gentile
  • marilena il 25/12/2010 16:10
    non ho parole, sei un grande della poesia dialettale e non, ti faccio i miei complimenti
  • loretta margherita citarei il 22/09/2010 07:57
    ben tornato bella poesia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0