PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Amaro d'assenzio

Mi sento come una colomba
nella pelle d'un serpente,
dentro di me sento le urla
di una guerra sconvolgente.
In lacrime prego,
dinanzi al mio Signore,
di liberarmi da quel veleno
che la mia anima divora.
Vorrei conoscere solo la quiete
e le gioiose parole di pace,
mi piacerebbe che la mia lingua
né di offendere...
né di difendersi non fosse capace.
Invece no...
possiedo una lingua di fuoco,
divento come una vipera
se le cose o le persone che amo
vengono messi in gioco.
Come una lama, le cose che dico
vanno dritti al cuore,
se solo le persone evitassero
di darmi i loro giudizi,
mi farebbero un favore.
Sono carnefice e martire
del mio stesso stato interiore,
dove combatto continuamente
con i miei sbalzi d'umore.
Spesso le persone più care
non ti capiscono, lasciandoti
in bocca un gusto d'amaro assenzio
e quello che resta dopo
è rancore, dolore...
un insopportabile silenzio.
Forse, non sono capace
all'ingiustizia chiedere il perdono,
ma la mia rabbia dura un solo lampo
e fa molta più paura il tuono.
Il tono della mia voce,
un grandissimo inganno...
sono colma d'amore per gli altri,
ma con la mia voce firmo da sola
le mie condanne!!!

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 30/09/2010 14:35
    Questa poesia è scritta con quella bravura poetica, che io ti eleggerei a poetessa del momento e ho detto tutto.
  • tania rybak il 24/09/2010 16:59
    speriamo che nessuno aggiunge del petrolio, visto che siamo tanti come il mare, facciamo la fine di marea nera, facendo la strage di pesci innocenti... un saluto e grazie del commento
  • alberto accorsi il 24/09/2010 16:51
    Simpatica, autoironica. Comunque per quanto riguarda sbalzi d'umore, lingua di fuoco etc.
    sappi di appartenere ad una compagnia molto numerosa.
  • denny red. il 23/09/2010 17:57
    Bella!! e sincera, la tua impulsività.. e dolce e vera, vai benissimo!! Tania, VAI TRANQUILLA!!
  • laura marchetti il 23/09/2010 08:36
    proprio come me.. sono impulsiva, ma è solo un flash... il burro poi si scioglie e viene fuori il lato dolce, bravissima
  • loretta margherita citarei il 22/09/2010 21:28
    col tempo imparerai, ero impulsiva ora sono calma e riflessiva, piaciuta
  • tania rybak il 22/09/2010 18:58
    carissimo Ugo, nessuno è perfetto e nemmeno io... non sono bugie, sono impulsiva e se vengo provocata so essere aspra, soffro tanto per questo mio difetto, ma purtroppo non riesco a liberarmene... speriamo Dio mi aiuti e non solo me, ma anche le persone che a volte riescono a ferirmi... un abbraccio e grazie del apprezzamento e dell'aiuto che mi ha dato in questo sito
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/09/2010 18:50
    Ammirevole Tania! Non ti riconosco in questo tuo ruolo... ma va, hai detto solo bugie! Comunque, la tua rima è molto migliorata, brava,

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0