PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Canzone dell'amore perso

Quante cose ancora avrei con te condiviso,
anche il mio mare per cessare d'esser Narciso:
specchiarmi tra le onde, solo, ed esser deriso!

Ero tanto vicino da poterlo sfiorare,
con un po' di coraggio, l'avrei dovuto afferrare,
ma l'amore è sfuggente e spesso scompare,
come la finestra di cielo che a volte appare
a piacere del vento che fa le foglie spostare,
per rivelare l'azzurro che non posso guardare
quando nel fitto bosco mi vado a rintanare.

I miei occhi ora guardano verso un punto preciso,
dove Qualcuno per noi ha già tutto deciso:
sentimento troppo vivo, andava subito ucciso!
Resta solo il ricordo del tuo triste sorriso,
della goccia iridata, che solcava il tuo viso
e di quelle poche parole per dirmi: " È inviso,
il nostro amore deva appassire come fiore reciso!"

Ora devo soffrire, non poss'oltre aspettare,
mi mancan le forze per tornare a vagare,
rincorrere un'altra te e ricominciare a sognare.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Annamaria Ribuk il 08/10/2010 11:42
    Molto bella... fa riflettere...
    L'Amore è dentro di noi... possiamo solo condividerlo con altri...!
    Bacio Ann!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0