accedi   |   crea nuovo account

Sadica insonnia

Le tre di notte
C'è ancora afa giù nella strada
Un'anima persa
urla al mondo la sua sbornia

Ti svegli di soprassalto
e non dormi più
È la cosa peggiore
che ti può capitare

Pensieri oscuri, rimorsi dimenticati
s'infilano insistenti
nelle crepe
della tua mente

Amori perduti, torti subiti
ricordi strazianti
sono tutti lì, intorno a te
immobili...

Ma cosa aspettano, cosa vogliono ancora da me?

Che tu li rinchiuda di nuovo
da dove sono usciti
riaddormentandoti

tremante al buio, sai già
che non ce la farai mai
loro, sadici e pazienti, rimarranno lì
A torturarti senza fretta

Sino al sorgere del nuovo giorno...

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 22/12/2015 08:13
    molto bella... complimenti.
  • silvia leuzzi il 06/03/2013 21:50
    Ritmi incalzanti, impaginazione danzante, tutto contribuisce a gettarci in quel tuo sentire che è stato ed è anche nostro. La poesia è relazione di sensazioni e Aldo questa tua lirica è coinvolgente. Piaciuta a rileggerci ciao Silvia

11 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 01/10/2010 06:11
    piaciuta... complimenti
  • Anonimo il 30/09/2010 16:56
    Credo che sia una delle tue più belle... e aggiungo: apprezzo lo stile del tuo commento a fine pagina... ottimo, la classe non è acqua!
  • Anonimo il 29/09/2010 11:19
    "Amori perduti, torti subiti
    ricordi strazianti
    sono tutti lì, intorno a te
    immobili..."
    Ehi amico, questa é la mia vita!!! Vabbé, dai, cosa dici se apriamo un club?? Così almeno la notte possiamo scambiare due chiacchiere e parlare di quella brunetta che anni fa...
  • Annamaria Ribuk il 27/09/2010 11:46
    ... accogli in te tutto quello che ti tormenta... accogli con amore... ed il dolore svanirà e la notte tranquilla sarà... bellissima... Ann!
  • Aedo il 26/09/2010 23:48
    Anch'io ritengo, Aldo, che la tua sia una poesia significativa. Quanti notti insonni ci spingono a scavare nella memoria. Bravo!
    Ignazio
  • Anonimo il 26/09/2010 09:01
    Chi soffre di insonnia bisogna vedere i motivi.
  • Laura cuoricino il 25/09/2010 22:00
    A volte capita, Aldo, di 'vivere' una 'sadica insonnia' , proprio come è successo a te...
    Il passato ritorna, gli amori, i torti subiti, le mancanze, ma dopo ci si lascia andare anche se è tardi al sonno ristoratore e 'cullatore'!
    Anche questa è una fase della vita.
    Poesia introspettiva vera ed intensa, grazie per la riflessione.
    Ciao, cuoricino.
    Un bacio al bambolotto.
  • Viky D. il 25/09/2010 21:58
    Anche a me è piaciuta, soprattutto perchè è vera. Nelle ore che dovrebbe dedicare al riposo, la mente è in preda a tutti i pensieri, specie quelli più neri. Brutta bestia l'insonnia, hai ragione.
  • loretta margherita citarei il 25/09/2010 17:57
    a me molto è piaciuta
  • Aldo Riboldi il 25/09/2010 16:21
    Infatti questo scritto è uno degli inconvenienti generati dal passare troppe notti insonni...
    grazie per il tuo commento, buona domenica
  • Anonimo il 25/09/2010 11:31
    Secondo te questo tuo scritto è da annoverare fra le poesie? O non è piuttosto una riflessione dove si va a capo di continuo? Boh...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0