PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Afrodite e Saffo

O divina Afrodite,
muliebre dea dell'Amore,
rapiscimi col tuo carro di fuoco,
dolcemente condotto
dalla tua fedele ancella Saffo.

Conducimi sull'isola di Lesbo,
fammi fluttuare sulla spuma del mare,
dove Eros non ha più sesso,
dove le vestali dell'amore,
celebrano la liturgia dei sensi.

Fammi assistere alle loro sacre funzioni
dove è vittima sacrificale l'amore femminile,
sottile, dolce, come una carezza
che violenta la mia mente.

Vorrei che l'ignuda vestale,
come sirena, mi chiamasse,
con un filo di voce dalle sue tumide labbra,
ad immergermi tra le stravolte membra
delle cocenti fanciulle, nel sacro talamo,
dove si consuma come su altare,
il sacro muliebre amplesso.

No, vestali dell'Amore,
non devo infierire su di voi!
Lasciate che il mio sesso provi
la pulsione voluttuosa dei sensi,
senza appagamento alcuno del mio misero corpo,
ma solo in compagnia di Amore e Psiche!

Lasciami ora o Afrodite, lascia che il mio sesso turgido
desideri l'amplesso con le saffiche ancelle,
senza mai essere da esse appagato...

O divino oracolo di Delfi,
lancia il tuo vaticinio, lancia la tua perenne maledizione
su noi uomini!
Fa che possiamo essere per l'eternità condannati
alla deliziosa vista della fiamma del lesbico eros.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • laura cuppone il 27/09/2010 15:10
    hehehehehehhehehehe...
    ...
    Laura
  • rudens roze il 26/09/2010 23:16
    Splendida poesia, tra mente e corpo, ambiguità, realtà e mitologia l'amore è comunque sempre in primo piano.
  • Anonimo il 26/09/2010 02:20
    Lirica impostata piuttosto bene, scritta con cura e poi ove c'e' Eros
    c'e' Luce Divina...
    Baci
    Lylly
  • Anonimo il 25/09/2010 18:16
    AH! QUESTA SI CHE È MUSICA, MI PIACE LA LIRICITA' DI QUESTI VERSI AMBIGUI CHE TRASPORTANO IN MONDI SCONOSCIUTI DOVE IL CORPO DI UNA DONNA NON È SOLO PIACERE MA ESPRESSIONE DI UMANA MENTE FATTA DONNA.
    B. B.

    P. S. DELL'AMBIGUITA' È COSPARSO IL MONDO NON SI SA MAI CHI È EFFETTIVAMENTE LA PERSONA CHE HAI DI FRONTE TUTTO È RINCHIUSO IN QUELLA MEMBRANA CHIAMATA MENTE TUTTO SVISCERA DA LI'
  • clem ros il 25/09/2010 16:59
    che dire... voi preferite i maschi, noi le femmine, anche saffiche, vuol dire che fra le due, invece di sceglire, mi ficcherei in mezzo...
    Scusarte.
  • Antonietta Mennitti il 25/09/2010 16:47
    Anch'io Ely... e che maschi!!!!! Comunque piaciutissima!!!!!
  • Elisabetta Fabrini il 25/09/2010 16:01
    splendidi versi...
    Bravissimo... io però preferisco i maschi...,)))

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0