PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Duci malincunia

Ti vògghiu arrivurdari
n'tà la mò menti tristi,
n'ta chidda bedda etati
ca l'occhiu miu ti visti.
Discriviri non pozzu
chi focu mi mittisti
e n'tà lu cori, tantu
suffriri tu mi dasti.
Mutu, t'accarizzavu
li tò capiddi rizzi,
la vita tò ammiravu
di tutti li biddizzi.
Pari ca iù esagiru
cuntànnilu alla genti,
finizzi comu e tò
ci nn'èri picca o nenti.
Non trovu rimi adatti
e mancu versi scelti,
pi cui citari non pozzu
Ciò ca lu bon Diu ti detti.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Anonimo il 31/03/2011 16:23
    che beddu amuri è chistu... sicuramente non lo so scrivere, mentre tu hai trovato le rime adatte e dei bei versi per descrivere ciò che il Signore le ha dato... bella Salvo complimenti
  • salvo ragonesi il 04/02/2011 20:51
    un grazie per il tuo generosisimocommentoe ungrosso saluto Salvo che ha fatto il militare nella tua graziosa cittadina. salutami Vanvitelli. Proprio li ho scritto la poesia (Ringraziamentu alla LUNA.)
  • Ugo Mastrogiovanni il 04/02/2011 19:40
    In poesia i confini tra dialetto e lingua non sono così labili come può sembrare, spesso anche un vernacolo, desueto per chi non lo conosce, riprende la sua vitalità e rafforza quei significati che la purezza del linguaggio non ha. Provare a parlare di malinconia in italiano raffinato, vedete come perde: Salvo Ragonesi ve lo dimostra.
  • salvo ragonesi il 16/01/2011 17:42
    un grazie ed un caro saluto a te Enza ciao
  • Anonimo il 05/01/2011 14:54
    Bravissimo. Adoro le poesie in dialetto e nel nostro caso in dialetto siciliano, perchè certe cose e certi sentimenti si possono dire solo in dialetto. Ciao Salvo
  • Anna G. Mormina il 07/10/2010 18:22
    ... chissa e' l'amuri, ti metti malincunia ma t'arricorda cosi duci... bravo Salvo!... molto bella!!!
  • salvo ragonesi il 29/09/2010 22:12
    EEE già l'è andata a passeggio. Nelle due versioni il sentimento è sempre quello, ma l'effetto in vernàcolo è diverso (opinione personale). Ciao Giuseppe. Grazie per il commento.
  • Giuseppe Bellanca il 28/09/2010 21:28
    ops mente ahahah la ti è andata a passeggio
  • Giuseppe Bellanca il 28/09/2010 21:28
    bella. in dialetto si apprezza tutto il suono melodioso di una dolce malinconia che accarezza la mene ed il cuore nel ricordo di una dolce donna ce ti ha lasciato un tenero ricordo. ciao Salvo.
  • salvo ragonesi il 27/09/2010 22:57
    Dolce malinconia.

    Ti voglio ricordare
    nella mia mente triste,
    in quella bella età
    che l 'occhio mio ti vide
    Descrivere non posso
    che fuoco mi mettesti e
    dentro al cuore tanto
    soffrire tu mi dasti.
    Muto accarezzavo
    i tuoi capelli ricci,
    la vita tua ammiravo
    in tutte le sue bellezze.
    Sembra che io esageri
    a raccontar alla gente,
    , finezze come le tue
    c'ène son poche o niente.
    Non trovo rime adatte
    e tanto parole scelte
    per cui citar non posso
    ciò che il buon Dio ti dette.
  • Anonimo il 27/09/2010 00:25
    Grazie per la traduzione.
    Bella.
  • danilo il 26/09/2010 23:33
    Le tue opere mi fanno tornare indietro a tempi lontani, pur non avendo l'età per poterli ricordare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0