accedi   |   crea nuovo account

Lontano, oltreconfine

A notte, palpebre di granito
dure a custodire germogli di sonno
come vetri acuminati
mi incidono l'anima.

Percorro sentieri silenziosi,
nel tratto breve del mio balcone
mentre nelle case tranquille
si consuma il fiore dell'amore.

La luna, calamita celeste,
questa sera è in festa.
Veli di nuvole le incorniciano il volto.
Veli lievi come sospiri,
come tulle di donna che va sposa.

Lontano, oltreconfine,
un uomo guarda la stessa luna.
Se tendessero la mano
ad un cenno convenuto
la potrebbero afferrare
e mordere insieme.


-Nei tuoi occhi rimane una luce di cielo-
-Nei suoi occhi il sapore di un bacio-

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • rudens roze il 04/10/2010 20:25
    Splendide immagini di connubio nell'assenza reale di un amore d'amare
    bellissima
  • Giuseppe Tiloca il 26/09/2010 21:57
    Perfetta situazione, un amore lontano, unito dalla luce della Luna, già leggendo le prime righe ho dato cinque stelle.
  • loretta margherita citarei il 26/09/2010 20:38
    belle le ultime 2 righe, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0