username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'invidia

invano tagliava l'erbe del vicino,
senza criterio e con rabbia,
superava il palmo - si giustificava -
concimando le calunnie

partecipava alla sua disfatta,
senza criterio e con rabbia,
occupata a diffamare
perpetrava il suo omicidio

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • bruna lanza il 16/06/2011 21:42
    perpetrava il suo omicidio... che misera fine... mi piace
  • Tim Adrian Reed il 05/10/2010 14:18
    chi guarda sempre agli altri con invidia spesso finisce per dimenticare di avere una vita propria...
  • Anonimo il 05/10/2010 13:29
    sei stata capace di impersonare -l'invidia- perfettamente!
    Bellissima poesia...
    -concimando calunnie-...è GRANDE!!!!
  • Clodia. il 01/10/2010 11:35
    concordo e questa faccenda mi rattrista non poco. mi rattrista anche perché spesso non è una scelta personale, come potrebbe sembrare, bensì un volersi sentire parte di un mondo che ti desidera inoffensivo. qui però pensavo a coloro che si buttano via e facendolo distruggono anche il prossimo.
  • Uglisse il 01/10/2010 01:22
    Mi pare che la gente faccia a gara nello "sprecare" risorse.
  • Giacomo Scimonelli il 29/09/2010 18:06
    brava... l'invidia è una brutta bestia...
  • Don Pompeo Mongiello il 28/09/2010 19:10
    Condivido il contenuto e lodo lo stile. Brava!
  • silvia giatti il 28/09/2010 15:50
    davvero incisiva
    assurdo veramente che c sia gente che distrugge altra gente solo per il gusto.. di che??
    azzeccatissima la scelta omicidio.. rende bene
  • Salvatore Ferranti il 27/09/2010 19:48
    bella poesia... davvero particolare...
  • Clodia. il 27/09/2010 19:07
    grazie! è uno sfogo. trovo inconcepibile che delle persone vive e nel pieno delle proprie capacità intellettuali passino la propria esistenza a denigrare il prossimo, quindi, annientare se stesse.
  • Anonimo il 27/09/2010 18:57
    mh... qualcosa di diverso... finalmente!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0