accedi   |   crea nuovo account

Incerta

Sono tempesta,
mare che sferza,
-languore e brama di muscoli tesi-
Groviglio di onde
che dalle viscere sale,
riuniti a vortice
in un mulinello,
-carne su carne che s'attorciglia-
e forza che alza
muri e colonne d'acqua.

-E manco son certa
se ancora ti voglio,
o voglia soltanto
quello che c'era. -

Con il vento dei folli
mescolo il cielo alla terra.

Mi credo Nettuno,
e quasi ti sfioro,
mi credo Nessuno,
se non ti stringo.
Incerta.

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 28/09/2010 06:18
    molto bella nelle metafore marine piaciuta
  • Aedo il 27/09/2010 23:57
    Immagini suggestive ed emozioni personali si combinano bene nella tua bella poesia.
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0