accedi   |   crea nuovo account

Io, Poeta

Quell'io che cantò d'amorose cose,
in lume alle dive Pieridi muse,
come ebbro d'uve d'imperiose rose,
per tirso o mirto Poesia gl'infuse?

Il mio spirto o lor venusìa maestose
che son come lo sguardo di meduse,
lodo e canto? Ammanto d'orgogliose
voci il gusto d'euforie precluse?

Aride e stolide le nove Piche
ch'all'iride scorrono insipide.
Niun poeta sarà scavato d'Averno.

Adespote, me mesto!, le chiome spiche
sùbite presso le verghe avide.
Or è giunto della poesia il verno.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0