PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Black Metal

Sono diviso, si scorge nel viso,
fra'l ghigno e 'l sorriso.
Lo spirito anela la perfezione
ma l'alma spera la sua distruzione.

L'elevazione del corpo reciso
nel servigio; mai sopito io vivo.
D'un grigio orrore io vi morivo
ma sentivo il trascendere liso
che mi scende alla tomba profonda
della mia tronfia sapienzia. Non monda
la decadenza né semenza l'avi
impettiti dal mondo impietriti
nei busti che dirigon noi savi
persi nell'infimo e superiore.
Speme di pace ordita d'arditi
della nostra guerra interiore
ch'è sofferenza degl'uomini forti;
e senza dei guerrieri in noi sorti
chi siamo? chi siamo se non morti?

Vedo la fulgida irridescenza
che cadenza alla stirpe il passo.
Non imito i padri, diffido la scienza.
Vorrei esser giusto mai lasso!

Ma sì nefando è il mio pensiero
e turpe. Il rigore è una rupe
truce e rude e seppure fiero
m'insozzo nel rozzo con cupe lupe.

Cosa, cosa mi rende inferiore?
Sono corrotto! Lo so e mi vanto.
Mi costringo ad uomo redentore
dell'Europa dimentica l'anto.

Quale uomo, quale uomo gioisce
nel vedersi piegato? Il pianto
è lo scudo e l'arma profferisce.
Fato, la serpe. Black metal, io canto.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 10/03/2011 08:29
    Sono più intrigato dal Death Metal Ma da sano metallaro l'ho trovata ugualmente stupenda Complimenti!
  • Samuele Scagliarini il 29/09/2010 17:18
    Nessuna correzione... solo un parere!
  • laura cuppone il 29/09/2010 16:58
    non reggo molto il Black e nemmeno il Goth...
    ma il resto del metallo mi luccica denso dentro..
    d'altronde anche una ballata medievale.. o una sonata possono secernere sentimenti ad alta temperatura di carne come questo...

    certe bruciature sono motivo d'orgoglio
    certe solo un grido di dolore...

    la sofferenza é alla portata di tutti.. ormai...
    come il piatto d'un buffet...

    odio mangiare in piedi.. ma io almeno mangio!

    mi piace!

    Laura
  • Alessandro Fontana il 29/09/2010 16:20
    Lasciamo stare Burzum per la mia poesia va', Vasily XD
    @Alessandro: Pallosi i classici? o. O che gusti -.- Io sì m'ispiro ai predecessori cercando di portare nuovi argomenti. Li imito perché credo che siano i migliori. So di essere alle prime armi, eppure ne rigodo ogni rilettura. A chi interessa? A me.
    @Samuele: Grazie dei complimenti. In ogni caso hai ragione per quanto riguarda le critiche però non credo siano pecche così gravi da meritare una correzione ^^
  • Samuele Scagliarini il 29/09/2010 12:16
    Mi piace molto il sentimento di dicotomia che esprimi.

    I giochi di parole ed allitterazioni in successione, però, appesantiscono lo scritto e distolgono l'attenzione (a mio parere) dai concetti.
  • vasily biserov il 29/09/2010 11:31
    molto bella... poi questa parte:
    Speme di pace ordita d'arditi
    della nostra guerra interiore
    ch'è sofferenza degl'uomini forti;
    e senza dei guerrieri in noi sorti
    chi siamo? chi siamo se non morti?
    combattiamo per Burzum!!
  • laura marchetti il 29/09/2010 11:03
    a me interessa... molto bravo!
  • Anonimo il 29/09/2010 10:48
    Fare il verso ai classici (che già sono pallosi di loro, ma almeno hanno il pregio di essere ben fatti) e oltretutto non avere la capacità di costruire qualcosa di godibile, è di una noia mortale. Gli interrogativi da porsi sono gli stessi fatti prima. A chi può interessare questa genere di poesia?
  • Simone Scienza il 29/09/2010 10:36
    Black metal, e fai bene
    del guerrier maglio è il seme

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0