PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Vo' clorito flore giallo

"Vo' clorito flore giallo vi vedei, paresti raggio,
e 'l sol con sprezzan curaggio accazzasti per miraggio.
ajesti vesti pèrpere, en cor meo i' d'allor t'aggio;
Eo d'allor encontrai l'insannia
ajendo en capo voi, madonna mia!"

"Sì madonna tu m'invochi, intr'alle cento: un'a Bari
un'a Roma, un'a Briscia co molt'altre, tante pari!
Pulzell' de' secolo pari amare, 'l cor mi si pari!
Null'ajesti a-fare? Va' lontano,
ca co né men' salutote de mano!"

"Si vedessivi la mano fresca gioja tu daresti
allo core ca te brama; se 'l palmo non porresti
ca ahimé sai quante genti vedran de me manco i resti!
Ma conosco, ben celata, la credenza
di una donna in mia presenza."

"Sana donna 'n tua istanza ceffonarti capo l'esta
pria ca tu manza'l parvenza de confession ca è esca.
Pozza questa donna lungi da te infugar sì lesta!
Rosa, fresca... in qual campi? Qual pesca?
Te convien 'n dilungar, salva ca t' resta!"

"Quel c'avejo lo perdetti pe 'nseguir l' tuo bon profumo,
alla mente parmi stella, com'ell' conduss'all'umo
c' pur la cruce fu penduto; i magi donàn', i' manco uno...
C'ajo creduto?, de dono n'aggio uno
ca è'l mio cor, ca sanza te l'è bruno."

"L'è un dono ben perdente: no aj la mia comprensione!
Anderò lungi, sinza ti! sarò por la televisione
tra' moinone de' li capi ca gàreran por mia visione.
De l'inguenti di beltà sarò reclam
e li mi numerosi fan m'acclàmam!"

"Ma mia sovrana, vi son eo! 'l tuo viso clar ajo caro,
no ti procazzei co' avviso sguardo; ahimè non m'azzardo!
Mii siranno schivi, como 'l sorriso, jammai beffardo.
Non t'aggio 'n lignaggio de corsaro
ma 'la bella m'atteggio a boiardo"

"Eh sì certo, i' te perdo! mi te scanso, falso omo!
Dicché parli de promesse mantannute 'n oro como
onne cose de lo mondo ca mja donna passionòmo!
ricchezze: felicità ch'i bram, rade
sì moine avvezze ben'ovvietade."

"'l tuo genio eo comprenno tristemente a malincuore...
tristo sognio t'ajetti accà lugubria onne l'ore...
trista vita, sono accà! Accoppi figli dell'amore...
Prennessi 'l necessi opulenza
mi sirai promessa por mi' gemenza?"

"Certo no, o re de' fessi! aggio jà chi m'indefessi.
ecc'a-ccà il mio promesso ca non t'esta in eccesso.
I' da lui aggio godura con te spessi mi gemessi...
Ei l'è figo e forte; che pretese?
Prova nova donna co' 'sto cortese...

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Flavio Burni il 30/09/2010 19:58
    Troppo lunga, non la leggero: fammene un sunto in versi.
  • Alessandro Fontana il 29/09/2010 19:04
    Ok fa schifo! Però è MOOLTO vecchia XD
  • Alessandro Fontana il 29/09/2010 19:03
    Ok, fa schifo. Ma è moooolto vecchia! XD

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0