PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Oltre i cancelli

Babbo di cachemire, oggi t'ho incontrato
sbirciando oltre i cancelli d'una villa.
Tripudiavano ortensie e siepi e viali
ottusi forse, ma sicuri
d'imboccare la soglia.

Voglia di pianto? Non è il caso.
Riverisco il tuo sarto e i tuoi princìpi
i miti i riti ed i penàti
quegli abbracci mai dati
per pudore, quell'assenza di odore.

Mozart Beethoven Boccherini
empiono il buio d'una stanza.
Ssst!
Danza la mia guancia accesa
sulle tue lane fini
sai come sono i bambini
per un contatto rompono l'intesa.

Scende la pioggia, innaffia il paradiso
varca il cancello delle ciglia, invade il viso
il collo, si tuffa nello scollo
del mio maglione blu.
Tu.
Ma non dovevo non pensarci più?

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Bruno Briasco il 10/06/2011 20:31
    Piaciuta... specie la chiusa...
  • sergio alemanno il 03/10/2010 11:03
    ... un abbraccio,
  • salvo ragonesi il 30/09/2010 16:25
    Un pianto liberatorioPiaciutaCiao
  • Auro Lezzi il 29/09/2010 23:49
    Bhè sono indeciso.. Poesia sartoriale o sartoria poetica.. Senz'altro sfila in passarella quel bel modello... Chiamato Amore..
  • Anonimo il 29/09/2010 23:46
    Preferisco Lucio Battisti. Decisivo è stato quel 'Ma non dovevo non pensarci più', mutuato dal verso della canzone Ancora tu.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0