accedi   |   crea nuovo account

Elogio sulle dita di Giovanni

Non par, di percosse, s’affannino,
Bensì ditellano in sù l’impari intarsio,
Del millepiedi gemelle, che mai egresso,
Lesto incede i levigati clivi,
O di mirar sembri una sottil pioggierella
Che tra l’erbe, in lievi toni e timbri tenui, la quiete cadenzi a inalvear lo tempo,
O giovincel gatto zampettar allegretto
Con felpato garbo e sinuosa beltà,
Ecco le sue dita,
ubertose ancille, incensar di giòliti canti gl’infiniti cieli,
Od’anche ruscellar com’acque chiare i preziosi avori,
zampillando foni di natural grazia
che trasmigrar la mente, dagli urbani doli al primordial’orto
conducan lieta a riposar.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • stefano arangio il 31/03/2007 11:34
    o ma è bellissima... scritta con precisione, bella stilisticamente, e mi fa parecchio ridere!
  • celeste il 30/03/2007 15:16
    rime di grazia e libero sapore

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0