username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Calipso

A te Calipso,
Kalyptein, colei che nasconde,
dal Sole fosti generata e da Perse,
triste sorella di Eete e Circe,
com'esse assetata d'amore,
ma per fatalità o per contrappasso
a vostra immortalità,
di questo amore mai appagate.

Crudele Cariddi scaraventò sventurato Odisseo,
nell'isola di Ogigia,
bella per incantesimo come Eea dimora di tua sora Circe.

Misteriosa la tua grotta, di molteplici antri formata,
buio, colori, fumi d'incenso e d'erbe magiche si
mescolavano in essa,
tra i tanti telai dove tu o Ninfa con le tue schiave,
cercavi invano di far trascorrere il tuo tempo infinito.

Innanzi al tuo antro boschi incantati, sorgenti dalle dolci
acque sgorgavano in essi.
Elio tuo padre ti fece dono di tutto questo.
Misera immortale, ancor più misera dell'ultimo mendicante
della terra dei mortali.

Quanto forte era il tuo desìo d'amore,
perché tu tanto eterna quanto infelice?
Anche per Dei dell'Olimpo e per Ninfe tutto
ha un prezzo!

Tanto e invano porgesti il calice dell'immortalità
al tuo prigioniero Ulisse,
ma egli non volle giammai dissetarsi ad esso!

Vana gloria terrena, immortalità su questa terra,
tutto è vanità in confronto a Penelope e Telemaco!

Dai la tua zattera al laerziade che piange sua famiglia,
restituiscigli la sua libertà,
e poi annegati, o maledetta, nelle onde del mare,
solo così anche tu sarai finalmente libera ed umana!

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 03/10/2010 01:12
    Bravo Guido!
  • Ugo Mastrogiovanni il 02/10/2010 19:16
    Un brano che ricorda non solo l'Odissea ma che dimostra anche una buona conoscenza della mitologia greca. Indubbiamente interessante, se si inquadra la ninfa Calipso nel contesto amoroso. Di certo un amore possessivo, ma grande e puro. Nato dalla sua solitudine, lo riversò tutto su Ulisse, dimentica di essere una dea. Un amore che esiste solo nella mente del poeta, purtroppo, e di cui si muore, visto che la bella Calipso morì di dolore subito dopo la sua partenza. Ringrazio il bravo Orbelli per essersi cimentato con ottimi risultati nel sintetizzare un passo tanto importante e per avermi riportato per un attimo trai banchi di scuola.
  • Anonimo il 02/10/2010 15:53
    bravissimo non ho parole...
  • Anonimo il 01/10/2010 18:05
    Hai ottime potenzialità!
    Forse dovresti ordinare meglio! Per il resto, i miei complimenti!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0