username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Salomè

Le mie dita scorrono sulla tastiera qual pianoforte,
provocando una sottil melodia,
le mie dita sfiorano le corde di un'altissima arpa,
le mie dita intrecciano i legacci di argentei sistri,
il mio corpo è ormai privo di forze,
la mia mente piacevolmente allucinata,
da te,
divina e maledetta,
Salomè.

Fluida, discinta, solo da sette veli
celata,
i piedi scalzi,
rosse come fuoco le tue lunghissime chiome,
armoniosa dai inizio alla tua danza,
sotto gli sguardi degli attoniti commensali.

Ancheggi, abbracci le granitiche colonne come sbattuta dal vento,
cade il primo velo,
è per Erode il grande, per il suo impuro desìo,
da esso è soffocato il suo già ansimante respiro.

Continua il tuo tripudio,
anche tu come me allucinata
da chissà qual profumo d'oriente,
cade anche il secondo velo,
uccide tua madre Babilonia,
contorta nella sua intimissima lussuria.

Viola è il terzo velo,
il fato lo aveva da tempo riservato al Sommo Sacerdote fariseo,
che di apparenza è vissuto, ed ora morte trova
nella tua abbagliante apparenza.

Il centurione romano, è da tempo ammaliato dalla
sua bramosia,
più non ricorda sua sposa, né sua prole,
trova pace sol nella morte a lui condotta dal tuo quarto velo.

Alla porta del palazzo reale è lo storpio accattone,
nulla ha avuto dalla vita crudele,
sempre come cane alla tavola dei potenti,
per lui dolcissima è morte per aver fagocitato il fatal quinto velo.

Il sesto velo è per il coppiere del re,
che senza pensiero alcuno immerge le sue labbra
nel calice ingannatore dell'istinto,
nel quale è caduto il tuo sesto velo.

12

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 02/10/2010 00:01
    Sono arrivato fino in fondo con un po' di fiatone ma ne è valsa la pena, bravo
  • Hamid Misk il 01/10/2010 22:40
    Guido che ti posso dire di più. Tu dici che non sei un poeta. Io invece dico che lo sei con la P Maiuscola. Bravissimo
  • laura marchetti il 01/10/2010 21:21
    FORTUNA CHE AVEVA SOLO SETTE VELI... SCHERZO BELLISSIMA POESIA SCRITTA CON VERA MAESTRIA, SEI VERAMENTE BRAVO
  • loretta margherita citarei il 01/10/2010 21:19
    più che poesia è prosa, bello il tema trattato
  • Elisabetta Fabrini il 01/10/2010 21:01
    Danza sensuale e intrigante... bella da vivere e da leggere..
    Bravo!!
  • Salvatore Ferranti il 01/10/2010 20:32
    mamma mia che poema!!!!
    bello ed interessante
  • karen tognini il 01/10/2010 18:45
    Bravissimo... da applausi!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0