PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Che goduria

Sono stanco

Sono stufo,
di entrare ed uscire
da quella fessura.

La prima volta
me la ricordo ancora.

O madonna
quanta fatica,
che sforzo madornale
ho dovuto fare.

Mi hanno spinto
con la forza e con la stizza

aiutandosi per fortuna
con le punte delle dita a trovare l'apertura.

È stato un sollievo
solo quanto sono entrato
e
da allora
vado
che è una meraviglia
... na goduria.

Ancor prova il mio padrone
un senso di calore
quando
tenendomi fra le dita

si chiude il cappotto


(Caro mio lettore
non fantasticare
sono un bottone )

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 17/10/2010 19:03
    Quoto Elisa Durante
    Saluti.
  • ELISA DURANTE il 02/10/2010 20:08
    Ma io avevo capito subito che si trattava di un bottone!
    Cioè di una botte molto grande, ovvio. Simpatica.
  • loretta margherita citarei il 02/10/2010 06:11
    ironica, apprezzatissima nel finale a sorpresa

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0