username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Canzone del Joker

Mischia le carte
la vita è arte,
io sono Joker e amo cantare!
Se voi mi ascolterete,
saprete della rete
segreti e novità:
eccomi qua!

Ier l'altro, andando tutta sola a desinare
in un nuovo locale di ristoro,
ascoltai una coppia parlottare:
li chiamerò Narciso e Boccadoro.
Uomo lui donna lei,
ci tengo a precisare,
sicuro come tre per due fa sei
con Hesse non avevano a che fare.
Tra il mio e il loro tavolino
c'era una sorta di muro di cartone
ma in mezzo c'era come un occhiolino
e in quanto a curiosar io son campione.
Lei, tardona con un certo portamento,
sul viso aveva una maschera curiosa
fatta di un mosaico di specchi fino al mento
che di lui rifletteva viso ed ogni posa.
Una tessera del mosaico gli diceva <bravo>, un'altra <super-forte>,
un'altra <ironico>, e tante e tante gli auguravan buona sorte.
E lui, Narciso, si specchiava e rimirava
e più complimenti riceveva più ingrassava
come un pallone, come una mongolfiera,
si sentiva rifiorire come fosse primavera.
Mi alzai e me ne andai per non vedere
un uomo quasi vecchio preso per il sedere,
uno che di fronte a una maschera-specchio, da barboncin che era
si credeva davvero un leone con tanto di criniera!

Mischia le carte
la vita è arte,
allora impara l'arte
e mettila da parte!

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Grazia Denaro il 06/02/2012 22:55
    Divertente, molto apprezzata...!
  • Don Pompeo Mongiello il 11/01/2011 19:27
    Poesia molto apprezzata e piaciuta. Ma ti prego di scriverne di più, per poterti ancora leggere e commentare. Brava comunque!
  • danilo il 08/12/2010 03:06
    Bellissimo il tuo vedere, lasciando sempre un sorriso a metà..
    Ciao ciao
  • niche chessa il 07/10/2010 13:14
    Nelle relazioni umane ciò che descrivi è spesso il propulsore primario di reciproche illusioni. Ma queste non sono vere relazioni, sono simulacri, per quello poi ci si sente soli... Bella poesia con omaggio a Hesse, bravissima
  • ELISA DURANTE il 05/10/2010 12:26
    Grazzzzie Guido, per una volta volevo fare il giullare di corte!
  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 05/10/2010 11:14
    Hesse si o Hesse no a me è piaciuta tantissimo. hai ben cantato alcuni vizi degli uomini.
    bravissima
    guido orbelli
  • ELISA DURANTE il 05/10/2010 09:46
    A Loretta non è piaciuto il mio controcommento e l'ha cancellato dalla sua pagina. Lo riporto di seguito, assumendomene ogni responsabilità civile e penale:
    "Sono contenta che ami Hesse ma, in quanto al pettegolezzo, togliti i paraocchi. Non ce n'è".
  • ELISA DURANTE il 05/10/2010 07:44
    Grazie davvero a Laura, Salvatore e a Ignis (a Ignis Ignis, se non era ironico... dò anche un 5 5, cioè 10). Loretta l'ho ringraziata altrove.
  • loretta margherita citarei il 05/10/2010 06:51
    povero hesse, veder ridotto un suo magnifico magnifico racconto in versi di grossolano pettegolezzo, certamente si rivolta nella tomba.
  • Aedo il 04/10/2010 23:52
    Poesia strutturata in rime alternate e baciate con sapienza stilistica. Il contenuto, nonostante il limite che le rime impongono, risulta profondo e di ampio respiro. È proprio vero, la vita a volte è una farsa e ci tende dei tranelli. Attenti a non cadere nella rete preparata dalle maschere di nulla.
    Che dirti, se non BRAVISSIMA?
    Ignazio
  • Salvatore Ferranti il 04/10/2010 21:00
    mamma mia che bella poesia...
    uno splendore...
    mille applausi
  • laura marchetti il 04/10/2010 17:11
    super!! ironia e verità mischiate come un mazzo di carte... hai colto con occhio magico una triste realtà... argutamente e con simpatia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0