accedi   |   crea nuovo account

Mora

La mora domestica frutta lampi
di succosa armonia.
S'arcano nell'afa d'agosto
tra tintilli, rossastri moniti
in scuri moreschi.
More che muoiono?
Bottoni di bottoni, polle di polle
nel trafugar di scuri in scuri
maturano la vita
per dar succhi di piacere
in lor morte. Marcio di vita
Ancor che trafughi il mio sguardo
pel tralcio d'agosto
nella foglia cuoriforme vedo
protezione del gruppo a frutto.
Intenzione di foglia che non nasconde
l'imputrido del frutto non colto.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giuseppe Amato il 09/11/2010 15:07
    Ci vivo in mezzo.. non escludendo la golosità... come maestrino ho fatto mille osservazioni sul campo in modo semplice come è necessario per i bambini ed io stesso ho imparato un mondo di cose... da ritrasmettere... mi hai letto con attenzione e ciò mi crea grande piacere.. sono felice della tua amicizia e del tuo sguardo attentivo
  • ELISA DURANTE il 09/11/2010 13:10
    Anche qui ti vedo grande osservatore e amante della natura... Sei imparentato con gli hobbit?!?! Sai, per la golosità che si intuisce: more, marmellate di more, torte alla frutta...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0