PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Prima ancora dell'alba

Prima ancora dell'alba,
quando regnavano le tenebre,
quando nulla brilla né garba,
né abbrevia l'attesa, né diminuisce la febbre


Quando la vita è un continuo errare
in immensi deserti senza confini
alla ricerca della luce e del mare,
delle rose e delle oasi e dei giardini


Trionfa l'angoscia in questa eterna notte
in cui si soffre e si sogna la pace
e i porti come agonizzanti flotte
irraggiungibili con una bussola fallace


Quando la vita è una continua agonia
e i giorni sono infiniti secoli...
marcati dalla tristezza e dalla malinconia
in attesa del sole e dei miracoli


Quando si perde ogni voglia di vivere
e si spera la fine e la morte
delle cose false e povere
sfidando così il destino e la malasorte


Quando si fatica persino a respirare
a guardare immagini sinistre e desertiche
Provando sensazioni tristi ed amare
e noiose voci e musiche!


Ma quando all'improvviso scese l'aurora
in quel giorno in cui il mondo riprese a sorridere,
in cui ricominciò a ribatter il cuor e a suonar l'ora,
iniziai ad amare e a comprendere


Toccai in quella alba le rose
di un giardino che avevo scoperto
Avevano l'aria gioiose ed amorose
in questo sibillino e feroce deserto


Si aprirono tutte e mi sorrisero,
era iniziata la più bella delle primavere
dal complicato ed irrisolto mistero
e dalle incomprensibili stagioni dell'essere!

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • GUIDO EDOARDO ORBELLI il 05/10/2010 11:06
    sempre più profondo caro Hamid, sei veramente saggio. Anche nel deserto c'è un oasi,
    amnche nel male forse riesce a farsi strada un po' di bene, dopo l'inverno la primavera,
    dopo l'angoscia e la depressione il sollievo. anche l'uomo appartiene alla natura, non è sopra di essa, e come essa conosce i suoi cicli. Mi permetto di dedicare questo scritto straordinario alla memoria della tua cara nonna materna.
    guido orbelli

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0