accedi   |   crea nuovo account

Ciò che l' acqua non può darmi

Sii eroe per una volta.

Schiudi il bozzolo
getta il biglietto
e lasciami andare.

Aspetta.
Nel tuo firmamento non c'è la mia casa.

Hai sentito la notte?
Vinta dal soffio logoro e dai suoi ritorni.
Vinta dai tuoi contorni insoliti.
Nel mio corpo
nella memoria nella fantasia
nelle emozioni nei sogni nei contrasti
davvero perduta
ne sei parte.

Esistono solo radici che appaiono trasparenti, trasformate.
Esiste una solitudine non sola.
La mia la tua.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0