username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il collezionista di suoni

Gocce d'arpa
dolcemente cadono
sullo specchio del cuore
allargandosi a cerchio
e ad una ad una
piano scandiscono
attimi di serena inquietudine
a riverberare
i pensieri e gli sguardi
in muschiosa aritmia di pioggia.
E l'anima errante lungo la riva
di questo lago di felicità
ad un tratto si perde
ad ascoltare l'eco
della vita rallentata
sul fondo di un tuo bacio.
L'ansia padrona e arpia
non domina più
il trono del nostro vivere.
Ha abdicato impaurita
dal nostro golpe di gioia
che tutto invade
col suono d'infinito.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Alessandro Moschini il 17/04/2011 10:23
    Grazie Gianmarco. È una poesia molto intima con cui ho voluto descrivere in modo metaforico le mie sensazioni. È una delle poesie più importanti per me tra quelle che ho scritto.
  • Gianmarco Dosselli il 16/04/2011 11:15
    Questa opera un qualcosa "ha", la possiede; è come ammettere che c'è una specie di "scoprirsi e confidarsi", lanciare un messaggio impostato sulla propria verità e dare significati morali. Perfetta poesia!
  • Alessandro Moschini il 05/10/2010 22:14
    Grazie Yle
  • ylenia 2010 il 05/10/2010 21:04
    ale, anche questa, molto bella... complimenti!!
  • Alessandro Moschini il 05/10/2010 10:40
    Grazie mille a tutti voi
  • karen tognini il 05/10/2010 09:35
    Bellissima poesia...
    melodiosa... e dolce...

    bravo Ale...
    k
  • ELISA DURANTE il 05/10/2010 08:58
    Questo tipo di golpe mi piace molto! Bello il richiamo a contrasto fra l'arpa e l'arpia .
  • laura marchetti il 05/10/2010 08:14
    molto bella... la musica del cuore
  • Elisabetta Fabrini il 05/10/2010 07:30
    Bravissimo Ale...è una bella poesia!
  • Giacomo Scimonelli il 05/10/2010 00:08
    sei molto bravo... piaciutissima