username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

I santi di malasanità

Vederti in questo letto d'ospedale,
abbandonato ad un sonno sereno,
mi fa soffrire, ma mi fa meno male.
Finalmente, stringendoti al seno,
dopo un percorso di malattia sottovalutata,
con la fronte bollente e le guance scarlatte,
vivendo in un mondo,
dove non ti salva nemmeno pronto soccorso,
mi sento leggermente sollevata,
cercando di espellere il rimorso.
Tra tanti medici senza frontiere,
beati e santi, coraggiosi guerrieri
ed altri ancora senza voglia di fare,
pigri nel approfondire e a visitare.
Per fortuna, esistono ancora i dottori coscienziosi,
in questa crisi di buon senso e gli ospedali chiusi,
tra le proteste e precarietà,
dove è in degrado persino la sanità.
Ringrazio il cielo, che mi ha mandato
far incontrare quei angeli in camici bianchi,
magari stanchi, ma con la mano sul loro cuore,
ancora sensibili ad altrui dolore.
Grazie, a coloro,
che non hanno fatto il giuramento degli ipocriti,
intatti alla ordinaria indifferenza,
guidati dalla misericordia di Paraclite,
esempio concreto della divina presenza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • tania rybak il 07/10/2010 13:28
    GRAZIE PER LA SOLIDARIETà, RAGAZZI
  • laura marchetti il 05/10/2010 21:52
    è vero Tania.. in mezzo a tanta incuria c'è anche chi merita un monumento... il problema è che questi ultimi interessano poco perchè non fanno clamore... bravissima, come sempre... un bacio e un abbraccio a te e ai tuoi bellissimi cuccioli
  • loretta margherita citarei il 05/10/2010 21:16
    ma per fortuna ci sono dottori coscienziosi
  • loretta margherita citarei il 05/10/2010 21:15
    malasanità è d'uso comune oggi, piaciuta
  • Salvatore Ferranti il 05/10/2010 19:55
    bellissima poesia. complimenti tania...
  • Inchiappa Vito I Song il 05/10/2010 19:53
    Bellissima dedica si medici che svolgono la loro attività come missione di vita. Per fortuna esistono. Ringrazio anche io Dio di averli incontrati e che Dio benedica tutti coloro che si donano e svolgono con coscienza e responsabilità la loro attività di cura della salute di chi necessita del loro intervento.
    Hai fatto bene a definirli santi.
  • Aedo il 05/10/2010 19:20
    Con la tua profonda sensibilità ci hai trasmesso le tue emozioni, nel vivere questa dolorosa esperienza. Sì, non c'è solo la malasanità, esistono anche persone buone e competenti, che si dedicano al bene del prossimo. Bravissima!
    Ignazio
  • Fabio Mancini il 05/10/2010 18:56
    Brava! Hai affrontato un tema delicatissimo, al quale anch'io vorrei cimentarmi. Un bacio, Fabio.
  • Aldo Riboldi il 05/10/2010 18:54
    Meno male che tutto sembra risolversi per il meglio! purtroppo sono situazioni che si ripetono, dovute anche al fatto di avere il posto fisso, e di non aver voglia di lavorare. Qui non stiamo giudicando nessuno, ma gli occhi li abbiamo anche per vedere... Fortunatamente questa volta la Divina Provvidenza ci ha messo una pezza delle sue...
    Auguri a voi!
  • ELISA DURANTE il 05/10/2010 18:15
    La tua dedica gli farà senz'altro piacere. Mi chiedevo che fine avevi fatto, se ti eri persa nell'accompagnare a scuola il tuo bambino. Brava e auguri!
  • Vincenzo Capitanucci il 05/10/2010 18:01
    Quante malattie sottovalutate... sono molti i casi... tante volte bisogna avere anche la fortuna di trovare il medico giusto..

    Brava Tania.. esempi concreti della divina presenza...
  • tania rybak il 05/10/2010 17:48
    dedico questa poesia al otorino dott. Mario MATTAROCCIA, che ha fatto il possibile per evitare intervento al naso a mio figlio di tre anni, che con una pallonata si è procurato un edema al setto, infettato dopo un paio di giorni e dopo che sono andata al pronto soccorso, non l'hanno nemmeno visitato bene, mandandomi a casa e dicendo che non era nulla di grave... dopo 5 giorni il problema si è aggravato e per fortuna ho incontrato questo dottore che ha evitato il peggio, perché operarlo a tre anni per incoscienza di certi dottori mi sarebbe dispiaciuto tanto... che Dio benedica questo dottore in gamba e perdona gli altri che ci fanno rischiare la vita per la poca voglia di fare... grazie a tutti
  • Giacomo Scimonelli il 05/10/2010 17:37
    bella poesia... hai ragione
  • Auro Lezzi il 05/10/2010 17:25
    Mia cara purtroppo gli ideali non esistono più.. Comanda solo il Dio danaro.. Il resto è quasi cenere... Che bella che sei.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0