username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il ritratto di mia madre

In una vecchia foto
ho rivisto il volto di mia madre
quando non era ancora mia madre,
quando non ero neppure un progetto.
Forse allora sognava un amore
come quello dei romanzi rosa
che teneva ben ordinati
nello scaffale della sua camera
di fanciulla educata dalle suore.
I suoi occhi erano luminosi,
le sue mani lisce e curate,
i suoi capelli ondulati alla moda.
E venne il tempo di partorire
al suono delle sirene antiaeree,
di scappare lontani dalla città
in un paese di campagna, sicuro,
dove il bucato si faceva con la cenere
e i capelli si portavano corti
per via dei pidocchi,
e la stufa a volte non tirava.
Tornò mio padre dall'Africa
e fu un parto a dicembre,
nella campagna imbalsamata
dal ghiaccio e dalla paura.
La levatrice estrasse il neonato
con le mani grosse e rosse
di sangue e di freddo.
Ritornammo in una città
con ampi squarci tra le vecchie
case del porto e carcasse di navi.
Il volto di mia madre
non era più quello della foto,
soltanto gli occhi
erano ancora luminosi.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • salvo ragonesi il 03/11/2010 19:21
    Bellissima stupenda piena di sentimento, veramente piena di particolarità affettive bravo.
  • B. S. il 16/10/2010 18:26
    Concordo con Cristina, hai condiviso con noi un ricordo prezioso, grazie.
    Davvero molto apprezzata!
  • Anonimo il 07/10/2010 08:52
    Una madre speciale per un figlio speciale... un'opera intrisa di sentimento vero, scitta con un cuore limpido...
  • Giacomo Scimonelli il 06/10/2010 02:50
    complimenti.. questa tua poesia mi ha spiazzato... hai descritto un periodo nero con un evento importantissimo... la nascita... ed una donna che di luminoso aveva alla fine di tutto solo gli occhi... gli occhi però molto importanti xchè ancora pieni di vita... bellissima
  • Aldo Riboldi il 05/10/2010 23:16
    Bellissima descrizione di un periodo pieno di sofferenza e di fame... se in mezzo a quel marasma gli occhi di tua madre erano sempre luminosi, doveva essere una bella persona.
    grazie per il dono che c'hai fatto!
  • Barbara Scarinci il 05/10/2010 23:03
    Sta tutto in uno sguardo questo bellissimo ritratto! Letta con vero piacere
  • laura marchetti il 05/10/2010 21:50
    un ritratto che mi ricorda i racconti di mio padre, quando la vita era davvero dura e ci si accontentava di poco... si asciugava una lacrima e mi diceva... ora capisci i miei capelli bianchi
  • loretta margherita citarei il 05/10/2010 21:14
    dolce ricordo materno veramente bella
  • Dolce Sorriso il 05/10/2010 21:08
    davvero molto apprezzata... piaciuta
  • Salvatore Ferranti il 05/10/2010 20:04
    una bella poesia. letta con molto piacere...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0