accedi   |   crea nuovo account

Diario bianco

Delle notti di plenilunio
compagno fedele sei
Consigli e rimproveri
trattieni saggio e silente

Amico sincero.
Sol a mirarti
ricordi celati alla mente
risvegli vividi al cuore

Cuoio odoroso t'avvolge
pegno di vita animale
a vita resusciti sensazioni quando
fruscio di carta muti in suono e canto

Pagine e pagine vergini
senza pudori di righe e quadri
incontenibile e sfrenata ecciti
la fantasia mia di uomo bimbo perso

ma ciò che amo in Te
è il candore di illibate pagine bianche
su cui leggo storie che t'ho narrato
di lemmi inesplorati mai vergati

 

3
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 09/11/2010 08:46
    Pagine bianche, pensieri inespressi, segreti inconfessabili...
  • Ada FIRINO il 19/10/2010 16:10
    Un diario bianco è come una persona davanti a noi che toglie ogni catena ai nostri segreti e sentimenti. bella soprattutto l'ultima strofa.
  • Viky D. il 07/10/2010 00:24
    Molto bella, complimenti!
  • loretta margherita citarei il 06/10/2010 22:35
    il bianco colore della purezza piaciuta molto
  • karen tognini il 06/10/2010 20:27
    Bellissima Francesco...
    complimenti

    ciao
    k
  • Vincenzo Capitanucci il 06/10/2010 16:26
    .. ma ciò che amo in Te
    è il candore di illibate pagine bianche...

    Piaciuta moltissimo Francesco... fruscii di catra muti.. in suono e canto..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0