PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Pacifica

Nessuna fretta
Nessun affanno
Nessun faro da raggiungere
Per mettersi in salvo dalle mareggiate
Che inattese smuovono il tuo placido navigare.
Orizzonti calmi
Stagliati intorno a te
Lidi pacifici
Ad allietarti gli occhi.
Affidandoti anche solo al dormiente Dio
Troveresti con gaudio sicuri porti da approdare.
Io lascio la tua nave,
i lidi e gli orizzonti,
lascio ciò che ho, non ciò che voglio.
Il maestrale di maltempo
Sarà brezza della più serena primavera.
Mi disseterò e mi diletterò
Con la pioggia che come bestia sadica si scaglierà contro il mio corpo.
E nuoterò, nuoterò notte e giorno
Alla strenua ricerca
Di un'altra tempesta, e poi di cento altre ancora.
Vivrò.

 

1
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0