accedi   |   crea nuovo account

Panettèe

l'è ancùn schùu
quande s'è adèscian
ou ciàman a bèi
-gunduìn, nùn me fan dourmì-
-annèmu, ìssite
ghè da piggià
à fenna, l'èegua e ù sàa
mèscite-
bellu Segnù
se l'è dùua
ma ti vèu mèttee
l'òudùu du pàn
cà sciòrte dou fùrnu
pàan di lingotti d'òu
cùme i teu cavèlli
e càadi cume ù sou
quande te pìcca in scià pelle
schùua, liscia, che sà de sàa
e t'èmbrièga
cùme ìn gottu de vìn bùun
-stàni attèntu che ti te brùsci è mueìn
nèsciu-
eh, niàtri panettèe sèmu cuscì
àvvède stì panetti
riùndi, dùui e appròfumèe
tè faan vegnì in mente...

 

1
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 04/12/2012 16:18
    Un dialetto indecifrabile, ma che ha una certa musicalità.

3 commenti:

  • ignazio de michele il 09/10/2010 16:41
    muy encantado, senore
  • loretta margherita citarei il 09/10/2010 15:12
    molto musicale il dialetto, sei super
  • Anonimo il 09/10/2010 13:50
    bella
    pensieri profumati di pane caldo... immagini straordinrie nell'incedere, letta tutta d'un fiato!
    Bravissimo!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0