username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Una pietra in una casa di m'armo

La nostra casetta ha un corpo quadrato
a cui niente scappa neanche un sorriso

su un foglio a quadretti
sembra disegnata
dalla mano di un bambino

colorata

due gelsi in fiore una via in curvi linee nere
una bocca porta sotto due occhi d'azzurra finestra
ed un camino sempre fumante su di un tetto rosso
fortemente pensante

c'è un lato di grande tenerezza un viso in tutto questo
moltiplicandolo per due
si ottiene una superficie di soggiorno abbastanza ampia
da poter appenderci un luminoso quadro di felicità

da consumare velocemente in un tempo scadente in un pan energetico d'eterno Amore

Siete tutti invitati in massa lievitante a questa festa prima del folle botto del genio umano in uno scoppio da indivisibile fungo alla fun-tan-go

Amor mio
smetti di candeggiare il lampadario cosmico

è solo chi

mica

vieni a sederti vicino a me sul divano pulito di fresco

Tomba ha di nuovo vinto lo slalom gigante con una seconda manche demenziale e io mi sento uno straccetto coniugato
imbevuto d'acqua e azoto preso a braccetto da quattro atomi di idrogeni vibranti

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • ELISA DURANTE il 13/10/2010 18:11
    Deliziosa casetta con deliziosi interni e qualche elemento folle (futurismo + retrò
  • Anonimo il 10/10/2010 23:09
    BELLE LE TUE METAFORE IN QUESTA INSUPERABILE SCENA TEATRALE NON POTEVI SCRIVERE MEGLIO.
    B. B.
  • Giuseppe Amato il 10/10/2010 21:47
    "straccetto coniugato" affogato nel mare della felicità... non è tutto... l'hai detto in modo perfetto...
  • laura marchetti il 10/10/2010 19:15
    cosmica... particolare e originalissima
  • loretta margherita citarei il 10/10/2010 16:27
    belle le metafore usate, piaciuta molto
  • Elisabetta Fabrini il 10/10/2010 15:54
    Bella... mi ci vorrà un po' per capirla... ma il tempo per rileggerla ancora non mi manca...
    Un abbraccio!!
    Ely
  • Anonimo il 10/10/2010 15:25
    Bel qualdro della Casa sulla Roccia. Nulla da eccepire.

    Ma il lampadario cosmico è di gran lunga lo spazio immenso dove si vola in piena libertà.

    Nel campo delle probabilità è fantastico non sapere con certezza dove spunterà l'elettrone d'amore, forse anche sul divano, ma solo per una frazione di nanosecondo... Poi via, a navigare attraverso le galassie, ovunque e sempre casa nostra, di tutti.

    Geniale cucciolo! Un inchino, umil e sincero.
    A-Z
  • vito proscia il 10/10/2010 15:05
    non ci sono aggettivi per dirti quanto è magnifica questa poesia, complimenti davvero!!
  • Giacomo Scimonelli il 10/10/2010 13:11
    bravissimo ''Poeta''... complimenti
  • karen tognini il 10/10/2010 11:04
    Vincenzo...è stupenda...
    ... vieni a sederti vicino a me sul divano pulito di fresco...
    Sei poesia Vincenzo...
    k
  • Donato Delfin8 il 10/10/2010 11:04
    Arno o Arsì qui c'è poco da esser ionati
    bravizzzimo zi zi Vincè

  • Cinzia Gargiulo il 10/10/2010 10:22
    Troppo forte Vincè!
    Ti sei superato...
    Buona Domenica!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0