accedi   |   crea nuovo account

Assassini della mia anima

M'uccise il pugnale
della cattiveria,
che le Vostre mani
stringevano sicure.

Mi corrose l'acido
veleno della bile,
che le Vostre bocche
su di me sputarono.

Mi ferirono gli occhi
ciechi di rancore,
che i Vostri visi
sul mio corpo puntavano.

Copro con le mani
la faccia
che questo via vai d'ombre,
di vergogna e barbarie
ha invecchiato;
grandi solchi
d'odio e dolore
che luce non conoscono,
non più.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 22/10/2010 17:06
    ... che continuino pure a martoriare la tua anima, se da tali barbarie nascono gemme come questa poesia!!!... naturalmente non dico sul serio riguardo al martirio dell'anima, ma sono serissimo riguardo la poesia!!!
  • natascia corsini il 13/10/2010 20:49
    Grazie per il commento! Comunque ho messo le maiuscole per dare un minimo di rispetto (anche se non meritato) agli interlucutori della poesia e costruttori delle mie angosce, perchè sono lo stesso molto devota a loro...
  • ELISA DURANTE il 13/10/2010 18:04
    Si erge alto questo grido di dolore e di sdegno che è anche denuncia.
    Un particolare non capisco, perchè Vostri è maiuscolo, non è un caso, lo ripeti tre volte.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0