accedi   |   crea nuovo account

Ricordando quel bimbo

Vorrei riappropriarmi degli occhi di bimbo,
quello lasciato nel sentiero della vita
e che voleva seguire le amate orme,
ma che l'inevitabile erosione del tempo
ha distaccato dal primario essere,
trasformandolo lentamente
ma
decisamente
nell'adulta persona dell'oggi.
Vorrei tornare a osservare
con vivo stupore
i piccoli esseri del prato,
i vivaci, floreali colori che abbagliavano
gl'innocenti occhi, colpiti solo dal bello
e non avvezzi alle odierne disarmonie.
Vorrei rallentare il veloce passo
e affascinarmi dinanzi al puro,
al semplice, all'ingenuo.
Vorrei riascoltare il richiamo delle piante,
salirvi e guardare curioso
i pigolanti nidi.
Vorrei rincorrere le innocue lucertole,
ammirare le laboriose formiche,
impadronirmi di cavallette e maggiolini
e inseguire le inafferrabili farfalle.
Vorrei moderare la sfrenata corsa del tempo
e gustare di nuovo i silenzi e l'armonia
di una notte stellata
e i canti misteriosi dell'oscurità.
Vorrei, infine,
rispecchiarmi nelle limpide acque della fonte
e magari riscoprire che il mio volto
è sempre quello del bimbo di ieri
e sentire che il cuore
ha gli stessi caldi palpiti.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 04/11/2010 09:26
    Una parte di noi che non dovrebbe morire mai, quella che ci fa sognare in questo mondo ostile... bellissima.
  • rainalda torresini il 25/10/2010 19:16
    Ha perfettamente ragione Pietro. Il bimbo che è in noi c'è sempre e quando meno ce lo aspettiamo compare facendoci meravigliare di fronte alla natura, agli occhi di un bambino li spalanca stupito e poi sorride quando gli raccontiamo una storia. La semplicità sta anche in un atto d'amore o in un dono in questo mondo pieno di egoismo...
    Ciao, Rai
  • Pietro Saltarelli il 21/10/2010 08:25
    Bellissima poesia. Il cuore ha sicuramente gli stessi caldi palpiti. Ma la giovinezza non è più. L'importante è conservare la visione sempre giovane della vita, lasciando vivere il bimbo che è in noi. Facendo si che continui ad entusiasmarci per ogni piccola cosa, a commuoverci nella semplicità, ad amare nella semplicità. Mi è piaciuta in modo particolare.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0