PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Talvolta mi chiedo

Talvolta mi chiedo
Perché in vita siam portati a domandare
A perdere a sperare.
Talvolta mi chiedo
Perché in vita siam portati a dominare
A soffrire a pregare.
Spesso mi chiedo e mi rispondo
Come uno sciocco,
Che dal muoversi degli astri
Trae destini e novità;
ma profondo è il mio interrogativo
più di quanto non credesse il giorno,
profondo è il sonno
più di quanto non possa contenere la notte.
Per cotante stelle e luci e ampi e ovali fari
Che m'indicano l'ovattato cammino,
Non cambierei per vista, per veglia
Questa dolce, dolce cecità;
Che del mio poco vedere
Infinito s'eleva l'orizzonte della mia mente
A man mano ch'io vegga fra le oscure pieghe
L'infinito splendore della ragione.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0