username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Come un lungo inverno

La malattia
come un lungo inverno, ci scheggia come fossimo vetro
e incornicia di buio ogni giorno
tetro,
ci ricorda
che siamo soli
e soli ce ne andremo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • giorgio giorgi il 16/02/2013 20:13
    La tua denuncia fa riflettere e lascia attimi di sofferenza.
    Condivido quanto scrivi nel tuo commento del 12/10/2010, meglio non pensarci fino a che non arriverà il momento.
  • Tim Adrian Reed il 21/11/2010 13:32
    Un grande grazie Gia, approfitto per leggere qualcosa di tuo!
  • - Giama - il 20/11/2010 14:25
    sono versi particolarmente intensi, che lasciano un senso di "sofferenza" dentro...
    molto bravo!
    ciao Gia
  • Tim Adrian Reed il 08/11/2010 18:57
    Forse è proprio la solitudine che temiamo, più della morte in sè... Maria, la sofferenza che ti porti dentro è una poesia in te, amara e impietosa. Sorridi, e quel sorriso avrà un valore inestimabile...
    Grazie mille per il tuo commento!
  • Maria Piera Pacione il 07/11/2010 22:31
    ho letto le tue righe e mi hanno revocato la solitudine avuta nella depressione... bellissimi versi complimenti
  • Tim Adrian Reed il 12/10/2010 13:59
    Ti ringrazio Giacomo!
  • Giacomo Scimonelli il 12/10/2010 13:31
    condivido il commento di Vincenzo... bei versi anche se tristi... piaciuta
  • Tim Adrian Reed il 12/10/2010 13:31
    Grazie a tutti per i bei commenti e per le vostre riflessioni!! Purtroppo la malattia ci rende soli per vari motivi... primo tra tutti il fatto che comunque riguarda soltanto noi, ed è la nostra vita ad essere svuotata e a volte sottratta dalla malattia e, per quanto la vicinanza degli amici e delle persone che ci vogliono bene sia importante, è una vicinanza più lontana di quel che sembra, mortificata dal muro della malattia... in secondo luogo i malati provocano disagio, provocano pena... e purtroppo nessuno è forte abbastanza da non distogliere lo sguardo cercando di salvare almeno la sua serenità. Odio gli ospedali ed è proprio per questo, perchè vi si respira la sofferenza senza speranza di chi è su una strada senza ritorno... diventa più facile far finta che non esista nulla di simile, lasciare ognuno solo col propriopm destino, come d'altronde toccherà a tutti presto o tardi.
    Detto questo, godiamoci la vita e facciamo in modo di non avere rimpianti quando ci ritroveremo soli... è l'unica cosa che ha senso secondo me.
    Grazie ancora a tutti!
  • Viky D. il 11/10/2010 22:12
    A volte la forza d'animo è l'unico sostegno dell'essere umano. Lo so che è più facile a dirsi...

    Un saluto caro Tim
  • Margherita Arnone il 11/10/2010 12:40
    si nessuno ci può accompagnare, la strada la faremo da soli. Ma non del tutto, perchè chi ci vuole bene soffre della stessa malattia, chi ci vuole veramente tanto bene muore insieme a noi.
  • rea pasquale il 11/10/2010 09:32
    Condivido, ma la sofferenza può anche trasformarsi.
    Un saluto
  • Daniela Di Mattia il 11/10/2010 09:06
    Concordo con Vincenzo e Nunzio, ma posso solo dire che gli affetti quelli veri saranno pur sempre la giusta terapia!!! Bellissima poesia
  • Anonimo il 11/10/2010 08:57
    La malattia ti scava dentro, e ti sottrae tutto ciò che è veramente tuo. Tu non te ne accorgi, perchè è subdola. Poi viene un giorno in cui ti rendi conto di essere rimasto solo, unica compagnia la sua. Ti mangia gli affetti, le amicizie, la fede. Reclama tutto per se stessa.
    Molto bella la tua poesia.
    Ciao.
  • Tim Adrian Reed il 11/10/2010 07:41
    Hai ragione, forse in fondo la fede è anche un modo di sentirsi meno soli ed impotenti... e magari per molti può rappresentare un aiuto psicologico molto potente...
  • vincent corbo il 11/10/2010 06:26
    È vero, ma a volte la malattia ci insegna che la solitudine si può sconfiggere con la fede.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0