accedi   |   crea nuovo account

La... conchiglia

Tieni nà cosa
c'addor'e rosa
ma rosa nun'è,
io ossaccio che rè.
È a cunchiglia
ca tieni annascusa,
truove sempe nà scusa
pe nun'ma rialà.

Tu ossaie
ciaciona carnala,
io spandeco e moro
pe chistu regalo.

A matina
nun se po ffà,
jamm'e pressa
pe ghì a faticà,
o jurno
stanno e criature,
se ci sentono
sai che figura;
a sera
e mal'e capo,
è sempe a stessa sunata,
si po a notte
m'avvicino
te fanno mal'e rin.

E allora
io mi domando:
a cunchiglia
ca tiene annascusa,
pe ce fa n'addurata
che ce vò,
a carta bollata?

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Ezio Grieco il 09/11/2010 19:04
    .. e tu, impagabile.
    cl
  • Ezio Grieco il 09/11/2010 19:03
    Grazie Danilo.
    Salutissimi.
    cl
  • loretta margherita citarei il 12/10/2010 20:14
    ironica sei splendido quando scrivi in dialetto
  • danilo il 12/10/2010 20:02
    Simpaticissima, ed in dialetto ancor di più!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0