accedi   |   crea nuovo account

Nivicàu

... nivicàu stanòtti
peccàsupra l'Asprumunti
tùttu è sùtta nù lenzòlu iàncu
pàri a dòti ì messòru
Ianca, pùru ìdda
peddavìa, mucciàti
ciannassìri i -denti longhi-
si sèntunu ì vùci
tutt'anòtti
aièri
'mmazzarùnu dèci pècuri e vìnti gaddìni
foc'ò lùpu... foc'ò lùpu
gridàvunu i -lupàri- du paìsi
amm'èzzèstìmmuntàgni
ma sìmu nuautri
chi 'nci levàmu a muzzicàta da vùcca
nàvvòta 'ndì 'ncùntentàvumu
nù cinghiali, nà vùrpi pè iddi
e una pè nuàutri
còmu volarìva u Signùri
ma
Rìzzi Rùssi èsti a casa e
se quandu mi vìdi, non àiu ì sòrrìcchi
stasìra
non 'mìddùma ù foculàri e
ùssòccòri

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 13/10/2010 05:44
    ora che ho letto la traduzione posso dire che è intensa e piena di significato
  • ignazio de michele il 12/10/2010 22:37
    provvedo: è nevicato stanotte/quì sopra l'Aspromonte/tutto è sotto un lenzuolo bianco/sembra la dote di mia sorella/Bianca anche lei/più in là nascosti/ ci devono essere i -denti lunghi-/si sentono le voci/tutta la notte/ieri/hanno ammazzato dieci pecore e venti galline/fuoco al lupo... fuoco al lupo/gridavano i lupari del paese/in mezzo a queste montagne/ma siamo noi/che gli leviamo il boccone dalla bocca/una volta ci accontentavamo/un cinghiale e una volpe per loro/ e una per noi/come vorrebbe il Signore/ma/Riccioli Rossi è a casa e/se quando mi vede non ho le sue orecchie/stasera/non mi accende il focolare e/ il suo cuore
  • danilo il 12/10/2010 19:50
    Ho capito fino a signùri, dopo il caos dell'incomprensione mi ha colpito. Peccato!
  • loretta margherita citarei il 12/10/2010 19:49
    molto musicale qualcosa ho capito che ha nevicato stanotte... piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0