PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non potevano certo cantare, loro

Non potevano certo cantare,
loro.
Ma voi almeno una parola
potevate sprecarla.
Il piede straniero
ci aveva privato dei
nostri figli,
ma il vostro Vangelo e
il vostro incenso
nessuno l'ha toccato.
Le loro cetre erano
rimaste appese,
in silenzio,
sui salici.
Invece i vostri pulpiti
avevano reso sordi e ciechi
molti fedeli.
Chiusi nelle vostre bianche stanze e
nei vostri luminosi palazzi,
avete sbarrato le porte alla storia.
Bambini che non iniziarono
neppure a vivere,
e le vostre silenziose preghiere
non restituiranno a nessuno
questa terra.
Il tempo scorre e
la storia e passata.
Adesso le loro cetre canteranno,
piene di polvere.
Pregate pure perché smettano
di parlare di voi.
Le vostre preghiere saranno
superate dai loro canti.
Non riuscirete mai a saltare
al di là della vostra ombra.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0