username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

L'indifferenza

Lillo,
un meticcio senza pretese,
ha cullato fedelmente l'agonia
di un suo simile,
senza lasciarlo mai solo,
la sua zampa, i suoi occhi umidi e dolci
a vegliare la sua sofferenza,
senza fine, fino alla fine.
Una donna,
il suo corpo steso a terra,
in una stazione di periferia,
fra via vai di persone che fuggon via...
Lo chiamano individualismo
che fa rima con egoismo,
ci straniamo se veniamo chiamati
animali,
noi... angeli senza ali.
Forse è questo che fa la differenza
... l'indifferenza.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Pietro Saltarelli il 21/10/2010 08:08
    noi... angeli senza ali...
    è proprio qui il problema.
    troppo spesso non ci curiamo neppure di cercar di procurarcele
  • Don Pompeo Mongiello il 15/10/2010 20:28
    Colpisce il segno di chi ha un briciolo di cuore, fa riflettere chiunque e rattrista e fa incavolare uno come me, per l'indifferenza di questa storta società. Apprezzata moltissimo.
  • tania rybak il 13/10/2010 19:11
    hai ragione, cara amica mia, abbiamo li stessi pensieri, li stessi dolori, forse pre questo mi sei balzata subito nel cuore... baci
  • Anonimo il 13/10/2010 18:44
    Mi fa paura il mio tempo... ogni giorno faccio sempre più fatica a ripararmi dai miei stessi simili. Affondo la testa nelle spalle ogni volta che saluto qualcuno che non mi nota... sono tra marziani o sono io un extraterrestre?... Per fortuna, la sera, quando torno a casa, la mia cagnolina mi attende e come varco la porta di casa sento il suo cuore battere per la rinnovata emozione di vedermi... e ogni volta... mi commuovo!
    Laura complimenti per la tua rara sensibilità... extraterrestre anche tu?
    Ti abbraccio
  • Giacomo Scimonelli il 13/10/2010 17:55
    hai ragione... la differenza la fa proprio l'indifferenza... bellissima poesia
  • ELISA DURANTE il 13/10/2010 17:38
    È un periodo grigio, questo, in tutti i sensi, ma la disumanità è ciò che più rattrista.
  • loretta margherita citarei il 13/10/2010 17:02
    bisogna prendere esempio dagli animali, ottima riflessione condivisa
  • Laura cuoricino il 13/10/2010 15:19
    Tristi versi, Laura cara, che esprimono purtroppo il tuo condiviso dolore e disagio...
    L'indifferenza che porta alla morte dell'anima, dell'esistenza altrui!
  • Anonimo il 13/10/2010 14:46
    Brava, hai descritto il mondo in cui viviamo. Chissà perchè gli animali quando siamo noi a stare male non si spostano di un centimetro da noi ed invece quando sono loro a star male noi li abbandoniamo?! Vorrà dire qualcosa no!!! La nostra razza è la peggiore nel mondo animale. Molto piaciuta
  • Enrico Scarcella il 13/10/2010 14:28
    Condivido pienamente le tue parole. Bellissima poesia
  • rea pasquale il 13/10/2010 13:19
    Cosa vuoi fare, dobbiamo vivere il nostro tempo, immersi in questa cloaca.
    Bella poesia.
    Un abbraccio
  • karen tognini il 13/10/2010 12:27
  • Simone Scienza il 13/10/2010 12:26
    ... ci straniamo se veniamo chiamati animali
    perchè in fondo sappiam di non aver
    le loro ali

    L'indifferenza
    ormai è tradotte come esigenza
    di quest'era,
    non si può cambiar tendenza
    non si può tornar com'era

    ... quando volere era volare
  • anna rita pincopallo il 13/10/2010 12:13
    bellissima non ci sono commmenti da fare hai detto tutto tu un abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0