PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Musica lontana

Ampi spazi,
volate d'azzurro,
rincorrersi delle note,
tersa armonia azzurra:
cantico in lontananza,
arrivare improvviso,
prolungati suoni
si estendono nello spazio,
prorompono con impeto
nella levità e nel sublime.
Mi perdo e sconfino,
mi attardo:
fermo è il tempo:
sogno improvviso irrompe,
e quieto rimango,
e mi rincorre
e si allontana
e scompare.

 

l'autore Emanuele Marcuccio ha riportato queste note sull'opera

Pubblicata per la prima volta il 26 marzo 2009, nella mia raccolta "Per una strada", Sbc edizioni.


0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • ELISA DURANTE il 29/11/2010 17:48
    Fantastica! E, ovviamente, musicale! Molto piaciuta!
  • Emanuele Marcuccio il 14/10/2010 12:46
    Vi ringrazio, vi ringrazio e vi riporto l'esperto commento che ne ha fatto il critico letterario Luciano Domenighini, che mi ha voluto donare il primo profilo critico: "Anche in questa lirica vige una dimensione cosmica. È formata da due stanze. La prima stanza, di dieci versi, è un asindeto di sette elementi, descrittivo, spiegato nei versi 8, 9 e 10, "si estendono nello spazio, / prorompono con impeto / nella levità e nel sublime". La seconda, di otto versi, in forma di polisindeto, parte al presente in prima persona con tre indicativi ( due riflessivi e un intransitivo), "Mi perdo e sconfino, / mi attardo: " per passare, su "sogno improvviso" come soggetto, alla terza quattro volte (irrompe, mi rincorre, si allontana, scompare), richiamando la prima persona al quindicesimo verso "e quieto rimango,", subordinato al quattordicesimo "sogno improvviso irrompe,". Da un punto di vista lessicale è eccellente il senario al secondo verso ("volate d'azzurro" con l'aggettivo sostantivato, abilmente richiamato, due versi dopo, come aggettivo e al femminile, in un senario "lungo" con doppia sinalèfe omovocalica sulla "a" ( ters(a-a)rmoni(a-a)zzurra). I versi 2 e 4 generano un effetto doppio, di assonanza e di corrispondenza semantico-descrittiva".
    Da: http://www. joetiziano. it/Luciano Domenighini - La metrica spontanea e raffinata di E. Marcuccio. htm
  • Patty Portoghese il 14/10/2010 12:16
    Piaciutissima, complimenti!
  • niche chessa il 14/10/2010 12:15
    Esattamente come mi sento quando ascolto una musica che mi piace! Bravo! Non è facile darne impronta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0