accedi   |   crea nuovo account

Le mie pene

Tagliente è la morte
nel sol che sporge
e nel respiro
di chi tace.

D'affanno
alcun dolor sarà
servo fedele.

O tu folle
impressa di sangue
che ami
quel giovane poeta.

Troppo amavi
dolcezza
con l'anima persa
in un dolce lamento.

Solo un istante
per ascoltar il tuo respiro
nell'assopita idea di un folle
amor.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • beatrice il 11/11/2012 20:03
    l'unica cosa che non condivido a pieno è il titolo.
  • beatrice il 11/11/2012 20:02
    l'unica cosa che non condivido a pieno è il titolo.
  • beatrice il 11/11/2012 20:01
    bellissima. con poche malinconiche parole descrivi con maestria idee e concetti significativi.
  • Laura cuoricino il 14/10/2010 18:20
    Molto, molto triste, ma così vera ed intensa!!!
    Stupenda, Sergio!
    Ciao, Cuoricino.
  • Anonimo il 14/10/2010 16:54
    Strabella, 12 stelline. Grazie.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0